Un tour en Cote d’Azur! vol 2 = Montecarlo

A Montecarlo sono molte le cose che si possono fare. Se siete interessati alla bella vita, alle manifestazioni sportive, alle Ferrari, agli yacht e alle belle donne che accompagnano attempati signori, la zona del porto e del Casinò fa al caso vostro. Se invece siete turisti interessati più alla cultura non c’è niente di meglio che salire alla rocca: una passeggiata oltre il porto, in modo da ammirare lo skyline di Montecarlo, che nonostante sia un obbrobrio ambientale ha comunque il suo fascino, un ascensore stradale et voilà! eccoci improvvisamente su un altro pianeta! Qui il tempo sembra essersi fermato; comunque scorre più lento. Si esce dall’ascensore sulla strada su cui si affaccia il Museo Oceanografico, che vale da solo la visita alla Rocca: nel salone di ingresso ci accoglie un enorme scheletro di balena, che colpisce molto l’immaginazione dei bambini, e comunque non lascia del tutto indifferenti gli adulti. Il museo oceanografico ospita anche un acquario che quand’ero piccola consideravo il non plus ultra (ma all’epoca non esisteva ancora l’acquario di Genova), mentre oggi francamente dall’alto della mia esperienza (!) risulta drasticamente ridimensionato. Non per togliere valore a questo zoo di pesci, ma quest’acquario è passato alla storia per essere il responsabile della diffusione dell’alga assassina che sta distruggendo i fondali del Mar Ligure. La rocca è molto ben tenuta. Ovviamente, perché è qui che si trova il Palazzo Reale dei Grimaldi (Alberto di Monaco, per capirci): in una grande piazza, da un lato ha come panorama il porto, dall’altro ha Fontvieille, lo Spazio Fiera e cittadella sportiva del Principato, mentre davanti si aprono i vicoletti che contraddistinguono i paeselli di quest’area geografica.

Montecarlo

Infine sulla collina, lungo la strada che porta al paesino de La Turbie, si incontra un punto panoramico ancora più bello della Rocca perché da qui si vede il palazzo reale: è l’Orto Botanico, tutto tenuto a piante grasse inerpicate sulla collina e aggrappate alle rocce, ormai un tutt’uno con esse.

Siamo ormai quasi fuori dal Principato, che è davvero piccino, una piccola meraviglia piena di charme e di bella vita. Sfilate di auto di lusso, Ferrari, Porche e Lamborghini la fanno da padroni. Montecarlo è la meta ideale se si vuole fare gli snob per un giorno. E comunque vale la pena vedere di persona un universo tanto favoleggiato dai Media come se fosse il paradiso degli yacht!

Advertisements

4 thoughts on “Un tour en Cote d’Azur! vol 2 = Montecarlo

  1. Pingback: Un tour en Cote d’Azur! vol 3 = La Turbie « Viaggimarilore

  2. Pingback: Un tour en Cote d’Azur! vol 1 = Mentone « Viaggimarilore

  3. Pingback: Tempo d’estate: io vado al mare, voi che fate? « Viaggimarilore

  4. Pingback: Montecarlo (LU): il fascino del Medioevo | Maraina in viaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...