Archivio tag | strugnano

Esplorare la Slovenia: i dintorni di Capodistria e Izola

Nell’ultimo post dedicato alla Slovenia siamo rimasti sulla costa, abbiamo visitato le cittadine di Capodistria/Koper, Izola e Pirano. Questa volta, invece, ci spingiamo nell’interno, alla scoperta dell’entroterra e di ciò che può offrire.

Abbiamo soggiornato per 10 giorni a Izola. In questi 10 giorni oltre a vivere la cittadina, passeggiare al porto, strafogarsi di Isolanka (il dolciumone tipico, pura goduria di panna e pan di spagna), abbiamo deciso di esplorare i dintorni, ciò che rimane subito dietro la costa. Ciò che abbiamo visto è stato molto interessante.

All’Ufficio turistico di Koper abbiamo preso informazioni: un bell’opuscolo molto dettagliato dava davvero l’imbarazzo della scelta su cosa decidere di visitare. Abbiamo distinto le nostre peregrinazioni in tre itinerari differenti.

Itinerario 1: la chiesa fortificata di Cristoglie

Nell’entroterra di Koper, raggiungibile anche via autostrada, si trova Cristoglie/Hrastovlje. Il paesino in sé non è particolarmente attraente, anche se ospita una collezione d’arte importante, ma il vero motivo per cui da più parti vengono qui è la bella chiesa della SS. Trinità. Si trova isolata, su una collinetta a se stante. Una piccola fortezza, alte mura in pietra, all’interno della quale si trova una chiesina minuscola, ma che vale davvero il viaggio.

Cristoglie

L’interno interamente affrescato della chiesa fortificata di Cristoglie

Nel Quattrocento questa chiesina fu infatti totalmente affrescata al suo interno: dall’abside alle navate laterali, tutto è dipinto con storie della Bibbia, del Vangelo e con una bella rappresentazione della danza macabra, la processione delle anime che sono tutte uguali davanti alla morte.

cristoglie danza macabra

La danza macabra affrescata sulla parete della navata della chiesa di Cristoglie/Hrastovlje

Tutti gli affreschi della chiesa costituiscono una Bibbia parlante, in modo che la popolazione potesse capire, conoscere, imparare le Sacre Scritture e gli insegnamenti religiosi e morali annessi.

Per visitare la chiesa di Cristoglie bisogna telefonare all’addetto. In 10 minuti il guardiano arriva, per 3 € fa entrare e un’audioguida in lingua racconta navata per navata tutti gli affreschi. A me personalmente queste rappresentazioni piacciono molto. Le pitture di Cristoglie mi hanno ricordato un’altra chiesina istriana, S.Marija a Beram, nell’interno dell’Istria croata, che ho visitato durante il mio tour dell’Istria. Ma se non fosse stato per questo post del blog Viaggiare con gli Occhiali non ne avrei mai saputo nulla e probabilmente non l’avrei neanche mai notata!

Cristoglie

La chiesa fortezza di Cristoglie

Se qualcuno pensa che i travelblog non siano utili, sbaglia davvero: i consigli migliori sono quelli dei blogger che raccontano le loro esperienze personali!

Itinerario 2: S. Marije e le colline dietro Capodistria e Izola

Abbandonando Izola per inoltrarsi nell’entroterra, la via di mezzacosta che conduce verso Šared offre alcuni splendidi punti panoramici sulla costa e sul porticciolo di Izola. Inoltrandosi ancora nell’interno si raggiunge Corte d’Isola, un borgo immerso nei vigneti. Da qui si possono prendere tre strade. Una ridiscende verso il mare, e arriva a Portorose, alle saline di Sicciole oppure prosegue verso Strugnano; una va verso il confine con la Croazia; un’altra ancora piega verso l’interno e la vallata di Capodistria e giunge a S.Marije/Monte di Capodistria.

panorama Izola

Una delle belle viste panoramiche su Izola che si incontrano inoltrandosi nell’entroterra

Abbiamo preso questa deviazione e S.Marije ci accoglie all’ora di pranzo con un bel ristorantino, Gostilna Trije Lovci sulla rotonda del paese dove, tra mari e monti, si può assaggiare la cucina di confine. Sì, perché il Friuli è davvero vicino, così come il mare e la montagna. Così non mi stupisco di mangiare i totani ripieni di prosciutto e formaggio!

Pomjan

Il borgo di Pomjan/Paugnano nell’entroterra di Capodistria

Il borgo di S. Marije si trova un po’ più avanti sulla strada, e gravita intorno alla chiesa di S.Marije cui fu annesso un convento. Oggi rimane la chiesa, il cui primo impianto è di epoca romanica, poi ristrutturata nel 1222 e ricostruita nel 1730. Il borgo di S.Marije si pone sulla cresta di una dolce collina coltivata a vitigni, così come ovunque all’intorno: la tenuta Santomas, per esempio, domina il panorama, ben visibile dalla strada. Il nome italiano, Monte di Capodistria, è dovuto al fatto che nei tempi più antichi il villaggio era noto come Sancta Maria in Monte ed era un insediamento fortificato che nel 1559 fu ulteriormente difeso dalle incursioni dei turchi.

s.marije

La chiesa di Santa Maria a S. Marije – Monte di Capodistria

Costabona

La pieve di Sant’Andrea a Costabona

Da S. Marije si prosegue verso il borgo di Pomjan/Paugnano oppure verso Costabona. Pomjan risalirebbe ad origini romane, e infatti sorge lungo il tracciato dell’antica via Flavia, via consolare di età imperiale, che collegava Trieste a Pola.

A Costabona la chiesa di Sant’Andrea, del XV secolo, è un bellissimo angolo di pace dalla cui spianata si domina il panorama sulla vallata circostante. Non è l’unica chiesa di Costabona: la pieve dei SS. Cosma e Damiano e quella del diacono Elia raccontano di un culto cristiano ben radicato nella zona. Costabona del resto pare essere un insediamento piuttosto antico. Sembra che sotto la chiesa dei SS: Cosma e Damiano, santi protettori della salute, sorgesse anticamente un tempio dedicato alla Bona dea, anch’essa divinità della salute. Se così fosse vi sarebbe una continuità di culto davvero interessante. L’insediamento è in effetti antico, anzi tardoantico: noto con il nome di Castrum Bonae o di Costa Bona, era proprietà del Patriarca di Aquileia. Si intrecciano storie di diocesi, di tardo impero e di avvento della cristianità in questo piccolissimo borgo dall’architettura in pietra davvero molto particolare.

Itinerario 3: le saline di Strugnano

Torniamo lungo la costa. Tra Izola e Pirano si incontrano nell’ordine un promontorio e una laguna. Il promontorio, impervio e scosceso, è attraversato da rari sentieri; la laguna è affiancata dalle saline. Siamo nel Parco Naturalistico di Strugnano, che ha due accessi: uno, via mare, a piedi, da chi ne arriva dal porto di Izola; l’altro dalla laguna di Strugnano. Questa laguna, Stijuza, che vuol dire Chiusa, è paradiso naturalistico per alcune specie di uccelli palustri, tra cui la garzetta. Una breve passeggiata sulla spiaggia e si arriva al piccolo porticciolo dei pescherecci, all’imbocco delle saline di Strugnano. Non sono particolarmente spettacolari, ma vi è la possibilità di percorrerne un tratto; inoltre un centro di documentazione consente di comprendere chi, come, quando, ha reso possibile la formazione e il mantenimento delle saline. Accanto, sotto il ponticino, un pescatore sta risistemando le reti. Un mestiere e un paesaggio antichi.

Strugnano

Le saline di Strugnano

L’ambiente della laguna e delle saline tra l’altro è abbastanza diffuso da queste parti: oltre a questa di Strugnano bisogna ricordare le grandi saline di Sicciole, alle spalle della patinata Portorose, e le saline di Val Stagnon, alle spalle di Capodistria. Il quartiere industriale di Capodistria, tra l’altro, sorge proprio su terre bonificate alle paludi che facevano da contorno alle saline. Oggi Val Stagnon accoglie molte specie di uccelli palustri, e qualche volta appare anche il fenicottero rosa.

Questi sono stati i nostri vagabondaggi nei dintorni di Capodistria e Izola. E voi? Conoscete qualche altro luogo assolutamente meritevole di una visita nell’entroterra della costa slovena? Suggeritelo nei commenti!

Annunci