Archivio tag | costa jonica calabrese

Lungo la costa Jonica calabrese: Roseto Capo Spulico

La costa Jonica calabrese è caratterizzata da tanti piccoli borghi medievali sorti nell’interno, sulle alture dell’immediato entroterra, appena alle spalle del mare quel tanto che bastava per difendersi da attacchi pirateschi, mentre sulla costa in tempi decisamente moderni si è sviluppata una serie di centri sul mare, una serie ininterrotta di spiagge, stabilimenti, case e hotel e cittadine create in funzione della villeggiatura estiva. Chi va al mare sulla costa Jonica calabrese resta così sedotto dalle acque, dalle spiagge e dalla vita notturna. Ma se un giorno decide di prendere l’auto e inoltrarsi nell’entroterra può rimanere favorevolmente sorpreso.

Roseto Capo Spulico è uno dei borghi nell’interno che vale la pena di visitare.

Veramente una delle sue attrazioni, almeno per belle foto ricordo, è il castello in riva al mare. Di epoca normanna, fu poi ricostruito da Federico II di Svevia. Noto come Castrum Petrae Roseti, oggi è di proprietà privata, ed ospita un ristorante. Visto dalla spiaggia è davvero il castello delle fiabe. In acqua, qua davanti, c’è un piccolo faraglione a forma di incudine, o di fungo, a seconda della fantasia. E la mia fervida fantasia si inventa già storie di principesse recluse e di principi sfortunati trasformati in roccia…

Torniamo alla realtà. Roseto Capo Spulico, Castrum Roseti come recita il suo nome antico, è nota per le ciliegie e l’olio, produzioni locali delle quali va fiera. Il paese si trova ben in alto rispetto alla linea di costa. Dal borgo la vista panoramica spazia su km e km di mare e spiagge. Laggiù in basso il castello di Federico II è poco più che una macchiolina che si distingue dalla distesa blu delle acque.

La costa jonica vista dal paese di Roseto Capo Spulico

Scarpe da sposa dei primi del ‘900, al museo etnografico di Roseto Capo Spulico

Lì per lì Roseto Capo Spulico lascia interdetti: qualche edificio decadente, qualcuno abbandonato, come il Palazzo Mazzario col suo bel portale, molti edifici in pietra ben restaurati, molti ancora abitati. Ecco, Roseto è un paese vivo, vissuto dai suoi abitanti che stanno seduti sulla porta di casa o che giocano a carte in mezzo alle vinelle, le stradine di paese, e scherzano con i forestieri. Tra tutti i personaggi che si possono incontrare, il più particolare è senz’altro il signor Leonardo che cura con amore e passione il museo etnografico ospitato in alcuni locali del palazzo comunale il quale, a sua volta, è un castello, il Castrum Roseti, fatto costruire da Roberto il Guiscardo alla fine dell’XI secolo.

Il sig. Leonardo ci racconta vita morte e miracoli della collezione che ha raccolto e che è un mix di testimonianze della cultura materiale locale e insieme italiana: sembra più una camera delle meraviglie che un museo; nel primo ambiente si mostra la vita contadina di un tempo, nella seconda l’arredamento di una casa e la vita familiare, quindi alcuni mestieri antichi, come il calzolaio e il barbiere, e via così di seguito: sala dopo sala ci accompagna nel “suo” museo etnografico.

Il tramonto sorprende Roseto Capo Spulico da dietro le montagne. Una tenue luce rosata avvolge le ultime case del borgo, antiche, in pietra, colora l’ampia vallata mentre sul mare inizia a farsi strada la luna. Nel borgo si iniziano ad accendere le luci della sera: la porta medievale si illumina, così le stradine e le palazzine antiche. I due ristoranti del borgo si riempiono. Il caos della costa, del traffico delle auto è lontano. Qui siamo davvero in un’altra dimensione.

Il tramonto cala su Roseto Capo Spulico

Annunci