Archivi

Giro d’Italia… del vino: 20 regioni tutte da bere

Va l’aspro odor de’ vini l’anime a rallegrar…

giro d'italia del vino

Ottobre: periodo di vendemmia, uno dei momenti più importanti dell’anno agricolo. Per l’Italia tutta, da Nord a Sud, una stagione intensa. Sì, perché il nostro Paese ha una vastissima produzione vinicola, che dalla Val d’Aosta e dal Trentino percorre lo Stivale fino ad arrivare alla Calabria, alla Puglia e alle “Isole comprese”.

Il vino, il vero signore della tavola italiana, è davvero da sempre un prodotto d’eccellenza. Voglio raccontarvelo regione per regione, percorrendo un vero Giro d’Italia del vino.

Giro d’Italia del Vino. Il Nord Italia

Nord Italia. Tu diresti che bevono giusto la grappa per difendersi dal freddo e la birra per la vicinanza con l’oltralpe di natura tedesca. E invece.

1 Val d’Aosta

Già la Val d’Aosta regala gioie. Innanzitutto esiste una route des vins, una strada dei vini che attraversa la regione toccando i dolci pendii che ospitano vigneti. Perché la Val d’Aosta non è solo alta montagna e vette innevate. C’è anche spazio per i vigneti. E che vigneti.

Nel mio itinerario in Val d’Aosta di qualche anno fa mi è capitato di assaggiare vini autoctoni, come il Torrette, un rosso ottenuto da uve petit rouge, oppure il Vallèe d’Aoste DOC. Sui vini valdostani trovo molto interessante il post di Valle d’Aosta – Guida turistica.

2 Piemonte

vino rosso e castagne

vino rosso e castagne: un abbinamento top!

Il Piemonte è terra di eccellenza del vino! Tra Langhe e Monferrato, territori di Alba e di Asti, il Piemonte ha una ricchissima carta dei vini! Tutti i vitigni si collocano al di sotto del Po, in un paesaggio dolcissimo di colline. Immaginatevi collinette pettinate a vigneti al mattino in quel po’ di nebbia tipica del Basso Piemonte: ecco, un incanto.

I vini piemontesi d’eccellenza sono per la maggior parte rossi.  Il Barbera e il Barolo sono due vini corposi, di sostanza, perfetti per la cucina piemontese. Accanto ad essi non mancano i vini dolci: il Dolcetto d’Asti e il Dolcetto d’Alba per esempio, ma anche la Freisa, il Brachetto (che da giovincella mi faceva impazzire!) e la Bonarda. Uh, quant’è bona la Bonarda!

Diciamo che i Piemontesi con i dolci ci sanno fare, perché il piemonte è terra di moscato! Chi non ha mai assaggiato il Moscato d’Asti può pure lasciare questa pagina. E correre nella più vicina enoteca a procurarsene una bottiglia!

3 Lombardia

In Lombardia è l’Oltrepo pavese a farla da padrone. Qui sono stata un anno fa esatto e ho apprezzato la cultura del vino, le colline anche qui pettinate in filari regolari e con le foglie di vite già rosse per l’autunno. In molti però mi hanno detto che a differenza di altre regioni d’Italia, l’Oltrepo non sa fare sistema e i vigneti producono uve che servono a “ingrassare” la produzione piemontese di vini. Un peccato, perché una regione con un’identità così distinta merita di essere riconosciuta a livello nazionale.

oltrepo pavese

Vigneti a Oliva Gessi (Oltrepo pavese)

Tra i vini più noti abbiamo il Pinot grigio e il Riesling per quanto riguarda i bianchi, il Buttafuoco, il Pinot nero, la Bonarda e il Rosso dell’Oltrepo per quanto riguarda i rossi. Una produzione quanto mai ricca e generosa, che mi auguro potrà fare presto “il salto” e guadagnarsi una fetta di mercato più ampia e più dignitosa.

Ma Lombardia vuol dire anche Franciacorta. Nella provincia di Brescia si trova questa regione vinicola che è il must nella produzione di spumanti brut. Il Franciacorta di fatto è un nome rinomato ovunque anche all’estero, un vero simbolo del Made in Italy.

4 Veneto

vino bianco

Un prosecchino in riva al mare: cosa volere di più?

Per me Veneto è sinonimo di Prosecco di Conegliano – Valdobbiadene: una terra che non ho mai visitato di persona, lo ammetto, ma che conosco perché spesso nel bene e nel male è protagonista di trasmissioni tv discordanti tra loro: si va infatti da chi loda ed esalta la grande produttività di queste terre a chi invece ne mette a nudo i problemi in termini di sostenibilità ambientale, scoperchiando un vaso di Pandora che probabilmente è comune a molte altre realtà vinicole – e non solo – italiane. In ogni caso, il Prosecco di Conegliano – Valdobbiadene è un altro marchio del Made in Italy noto nel mondo, un prodotto d’eccellenza. Non a caso si chiama Prosecco Superiore.

Nella zona di Verona invece si produce il Valpolicella, un vino rosso la cui produzione risale indietro nei secoli. La regione fin dal Medioevo è dedita alla coltivazione di viti e dunque alla produzione di vino. Nella stessa zona, oltre al Valpolicella DOC si produce il Recioto, un vino dolce, da dessert, e l’Amarone, un vino pregiato, pastoso, importante, che si sposa con i piatti tradizionali della cucina veneta dell’interno.

5 Trentino Alto Adige

Terra di GewurtzTraminer e di Müller Thurgau, il Trentino Alto Adige da qualche anno ha sposato anche la pratica dell’Eiswein, cioè l’Icewine, la vinificazione di grappoli congelati vendemmiati tardivamente. Pratica molto diffusa in Canada, anche se pare che l’illustre precedente risalga all’età romana, e dunque sia nato in Europa, ha trovato terreno fertile (si fa per dire) in Germania, Ungheria, Austria e, ovviamente, in Alto Adige. Il vino che si ottiene è particolarmente dolce, ma soprattutto perché sia tale occorre che l’uva sia ghiacciata direttamente sulla pianta, non congelata poi. Sennò sarebbe troppo facile.

castel mareccio

Castel Mareccio a Bolzano è sede di una prestigiosa azienda vinicola

Ma torniamo ai vini a noi più noti. Il Traminer nasce addirittura nel XII secolo, dunque ha una tradizione antichissima di produzione e  vinificazione. Piuttosto aromatico, tanto che si chiama Traminer aromatico, il Gewurtztraminer è di un bel colore giallo paglierino ed è un vino davvero mittleuropeo: dall’Alsazia all’Ungheria, passando per l’Austria e la Slovenia, è prodotto su un areale piuttosto vasto.

Il Muller Thurgau è anch’esso un vino mittleuropeo, che in Trentino Alto Adige ha trovato il suo luogo d’elezione. Vino da pasteggio delicato e profumato, è di colore giallo verdolino. Deve il suo nome, e questa è la curiosità, al suo inventore, tal sig. Muller e alla sua città d’origine, Thurgau in Svizzera a partire da un vitigno riesling.

6 Friuli Venezia Giulia

Tocai friuli

Un bicchiere di Tocai a Muggia, Trieste, al confine con la Slovenia

Che cosa vuoi dire ad una regione che ha addirittura un paese, vicino a Trieste, che si chiama Prosecco?

In realtà il paese di Prosecco è semplicemente un sobborgo di Trieste. Sicuramente però ci gioca sull’ambivalenza del nome, ed è sintomatica dell’intenzione del luogo di identificarsi con la propria produzione vinicola. Il termine prosecco significa “borgo tagliato”, ovvero landa riservata all’agricoltura e, quindi, alla coltivazione della vite. Anche qui infatti si produce vino, prosecco nella fattispecie. Come abbiamo visto, comunque, il prosecco con la P maiuscola ormai è quello di Valdobbiadene in Veneto. Però l’idea che il prosecco, almeno nel nome, sia nato qui, è molto suggestiva.

In Friuli i vini principali sono il Tocai, il Colli Orientali del Friuli e il Carso. La regione in realtà ha una grandissima vocazione vinicola e, vi assicuro, è una regione di grandi bevitori! Io qui voglio solo sottolineare il Ramandolo, un vino bianco dolcissimo che è la cosa più buona che io abbia mai assaggiato a Trieste.

7 Liguria

bianco lumassina

La lumassina, vino bianco ligure, accompagna i piatti della tradizione locale, come i fiori di zucca ripieni

Cambiamo fronte, torniamo a Nord Ovest. In Liguria distinguiamo un estremo Ponente interno, territorio di vini rossi, e un Ponente e Levante marittimi, dove invece regnano i bianchi.

Nell’estremo ponente i due rossi d’eccellenza sono il Rossese di Dolceacqua e l’Ormeasco di Ormea. Il Rossese è una produzione limitata alla Val Nervia lungo la quale sorge il borgo medievale di Dolceacqua, caratterizzato dal suo bel ponte medievale a schiena d’asino. L’Ormeasco è una produzione di montagna, limitata ai colli alti di Pornassio, Nava e Ormea, a cavallo delle Alpi Liguri, dalla tradizione piuttosto antica.

I bianchi sono il Vermentino, vitigno comune ad altre regioni di mare tirreniche, la Lumassina e il Pigato. Ecco, il Pigato è un vitigno tipico della Piana d’Albenga e del Ponente marittimo che ha un sapore aspro e un colore giallo-rosato. La piana d’Albenga è l’unica vera pianura della Liguria che, confrontata con pianure degne di questo nome, scompare. Del resto si sa, la Liguria è caratteristica proprio per i suoi monti che arrivano quasi fino al mare. Nel Levante è talmente reale questa situazione che addirittura nelle Cinque Terre il vino da cui trarre Vermentino e il vino dolce Sciacchetrà è ottenuto da uve coltivate su colline scoscese che vengono raggiunte solo con funivie in grado di scalare il dislivello. Paesaggisticamente incredibili, le vigne del Levante ligure non rendono certo la vita facile al viticoltore.

Giro d’Italia del vino – il Centro

8 Emilia Romagna

Terra di Lambrusco, innanzitutto, l’Emilia Romagna non si distingue per un suo prodotto particolare (lambrusco a parte, ovvio), ma vino viene prodotto sui Colli Bolognesi, Colli d’Imola, Colli di Parma, Colli di Scandiano e Canossa.

Il Lambrusco, neanche a dirlo è il vino amabile più noto d’Italia. Accompagna saggiamente, con leggerezza e spirito quei piatti non proprio leggeri come il bollito o altre gustose ricette della ben nota cucina emiliana. Ricordo ancora di quella volta che a Reggio Emilia mangiai bollito servito col lambrusco! Sono esperienze che vanno provate, almeno una volta nella vita.

brisighella

Le colline intorno a Brisighella sono coltivate a vigneti

Ma poi, non vogliamo parlare del Sangiovese? Il vitigno è uno dei più diffusi in Italia, utilizzato per la produzione di molti altri vini regionali e infatti è coltivato anche in Toscana e fino in Campania. È l’uva impiegata anche per la produzione di un vino importante come il Brunello, per dire. Il nome, tanto per dare un’idea, pare derivi da Sanguis Giovis, Sangue di Giove, il Padre degli Dei nel mondo romano.

9 Toscana

festa del vino impruneta

La Festa del vino dell’Impruneta è un grande evento del vino in Toscana

Eccoci alla principessa delle regioni vinicole italiane. Lo so, sono di parte, ma la Toscana oggettivamente ha una ricchezza e una varietà uniche. Soprattutto, ha saputo farne un vero marchio di qualità. Il Chianti è il biglietto da visita della Toscana vinicola nel mondo: un territorio totalmente vocato al vino in un’area ampia che si estende dalle colline fuori Firenze fino a lambire l’Aretino e il Senese. Non mi pare poco. L’areale comprende tantissimi borghi, da Greve a Panzano, a Radda in Chianti. La festa del vino di Panzano è un’istituzione attesa da un anno all’altro; idem la festa del vino dell’Impruneta, per la quale un corteo di carri in stile carnevale attraversa il borgo per esibirsi nella piazza della Chiesa.

Poco più a Nord incontriamo i Vini del Montalbano, la piccola area collinare che separa il Val d’Arno dal Pistoiese, e il Carmignano, un vino che ricevette la DOC insieme al Chianti poco più di 300 anni fa direttamente da Cosimo III Medici. Una grande festa tra Prato, Artimino e Carmignano, un paio di anni fa, ha celebrato proprio quel grande, importante evento.

artimino

Vigneti di Carmignano DOC ad Artimino (PO)

In Val d’Orcia abbiamo poi i principi dei vini toscani: il Rosso e il Nobile di Montepulciano, ma soprattutto il notissimo Brunello di Montalcino. Spostandoci sulla costa e in Maremma abbiamo il Morellino di Scansano e il Bolgheri tra i rossi, mentre il Vermentino di Toscana è il re dei bianchi.

vigneti Certaldo

Vigneti Chianti nel territorio di Certaldo

10 Umbria

Anche l’Umbria nel suo piccolo territorio produce vini di un certo pregio. La zona di Orvieto è terra, ad esempio è una bella zona collinare pettinata a vigneti che danno vita all’Orvieto, classico e superiore. Ma altri territori umbri si prestano alla produzione di vini: nell’area del Lago Trasimeno si producono i vini Colli del Trasimeno bianco, rosato e rosso; vino si produce anche nel territorio di Assisi, sui Colli Martani, Colli Altotiberini e della Sabina.

mccurry sensational umbria

La foto che il grande fotografo Steve McCurry ha scattato per il suo progetto Sensational Umbria è un ritratto assolutamente italiano: il pranzo della domenica, l’aria di festa, il capofamiglia che versa il vino

Si distinguono poi il Torgiano rosso, prodotto nel Perugino, e il Sagrantino di Montefalco, un vitigno che risale al XVI secolo e il cui disciplinare prevede la produzione in un territorio ristretto a pochissimi comuni di un vino che può essere sia secco che passito.

11 Marche

Anche le Marche, territorio in gran parte collinare, sono dedite alla produzione del vino. Il Verduzzo dei Castelli di Jesi, il Pecorino e la Passerina sono i tre bianchi più noti della regione.

Tra i rossi invece, ricordiamo il Rosso Piceno e il Rosso Conero, ma una menzion d’onore merita la Lacrima di Morro d’Alba, prodotta nella provincia di Ancona, nel territorio comunale di Morro d’Alba e limitrofi. È proprio la varietà di uva nera che si chiama lacrima, da cui il nome del vino, e che è nota almeno dal XII secolo: una storia piuttosto lunga, per un vino rosso rubino intenso, adatto a vari piatti della cucina tradizionale marchigiana; anche se è un rosso, alcuni lo consigliano anche in abbinamento al brodetto all’anconetana, una ricetta a base di pesce.

12 Lazio

frascati bianco

Un bicchiere di Frascati bianco, Cantina San Simone

Evviva il vino de li castelli“: chi non ha mai sentito Nino Manfredi cantare questo stornello in romanesco? La zona dei Castelli Romani è rinomata da sempre per la sua produzione di vini, oltre che per il suo territorio particolare: collinare, intorno ai laghi vulcanici di Nemi e di Albano intorno ai quali sorgono i centri di Castel Gandolfo, Nemi, Ariccia e, un po’ più in là Frascati. Proprio il Frascati bianco è il vino di punta di questo territorio, le cui vigne di produzione occupano le colline dei dintorni: lungo la strada Frascati-Colonna si incontrano numerose cantine e le vigne indubbiamente caratterizzano il territorio.

Anche il viterbese è terra di vini. Come dimenticare l’Est Est Est? Un vino prodotto a Montefiascone, sul lago di Bolsena, alla cui origine è legato un aneddoto particolare (raccontato sull’etichetta del vino) legato all’espressione “Est! Est! Est!” cioè “Est (bonum)” il vino al punto da esclamarlo per ben tre volte!

Sulla costa si segnala a nord il Cerveteri e a sud il Circeo come areali di produzione che danno origine a DOC bianchi, rosati e rossi.

13 Abruzzo

L’Abruzzo si distingue per tre vini in particolare: il Montepulciano d’Abruzzo, il Trebbiano e il Cerasuolo. Il Montepulciano è un vino rosso prodotto con uve Montepulciano ed è prodotto nell’areale di Teramo. Il Trebbiano è invece un bianco che si accompagna a primi in bianco, a pesce e a carni bianche. Il Cerasuolo è una derivazione del Montepulciano, distinto da esso in quanto cambia l’areale di produzione, più esteso rispetto a quello del Montepulciano, ma la sua dignità di DOC è piuttosto recente: anni 2010/2011.

14 Molise

bicchieri vuoti

Bicchieri in attesa di essere riempiti…

Anche il Molise produce vino. In particolare si distingue la produzione del Biferno nella provincia di Campobasso e del Pentro nella provincia di Isernia.

Anche il piccolo Molise sa farsi rispettare, quando si tratta di portare il vino in tavola.

Vitigno autoctono del Molise è la Tintilia, un antico vitigno a bacca nera che stava lentamente ma inesorabilmente scomparendo e che solo in anni recenti è stato recuperato. Il motivo del suo scarso successo? Ha una scarsa produttività, anche se le piante sono piuttosto resistenti, sopravvivendo alle basse temperature della montagna molisana. Della Tintilia esiste anche la versione rosé, delicata e con note speziate.

Giro d’Italia del vino – il Sud Italia

15 Campania

Fin dall’antichità il vino campano è noto e apprezzato. Già i Romani conoscevano e bevevano il Falerno. La Campania Felix era una terra fertile e rigogliosa che non per caso fece da subito gola ai Greci e agli Etruschi. Entrambe le due civiltà basavano sul vino il rituale del simposio, un evento che non era semplicemente un pranzo o una cena, ma un fatto sociale. Non stupisce dunque la vocazione vinicola di lunga tradizione di questo territorio.

tomba del tuffatore paestum

Sulla tomba del Tuffatore, Paestum, V secolo a.C., è raffigurata una scena di simposio

Oggi i vini di punta della Campania sono il Taurasi e l’Aglianico del Taburno, rossi, il Fiano d’Avellino, il Greco di Tufo e la Falanghina del Sannio, bianchi.

Se andiamo sulle isole, il Biancolella è il vitigno tipico di Ischia, a bacca bianca, introdotto in tempi antichissimi dalla Corsica, che ama i terreni vulcanici tipici delle isole campane. I Borboni poi ne ampliarono il territorio di produzione, portandolo in continente sulla costiera amalfitana e sorrentina.

16 Basilicata

Il vino più noto della Basilicata, terra montana che riesce ad avere due sbocchi al mare, e però aspra e impervia in molte sue parti, è l’Aglianico del Vulture. Anche il Grottino di Roccanova è una produzione locale, della provincia di Potenza, ottenuto da uve cabernet-sauvignon, malvasia e montepulciano.

17 Puglia

uva nera

Grappoli d’uva direttamente sulla pianta

Vi dico solo Negroamaro e Primitivo. E subito vi viene in mente un vino rosso intenso, sapido, aspro come la terra arida della Puglia, ma generoso come la sua cucina e la sua gente. Il Negroamaro del Salento è un vitigno endemico della Puglia. L’uva è bacca nera, ma da essa si ricava anche il rosato: il Salice Salentino.

Il Primitivo di Manduria è l’altro vitigno tipico e notissimo della Puglia. Un altro vino rosso, quasi violaceo, che ben si adatta ai piatti della cucina pugliese. Ricordo certe cene ad Alberobello accompagnate dal soave tocco di un Primitivo…

Infine il Nero di Troia, un’altra varietà autoctona diffusa nell’area centro settentrionale della Puglia. A questo vino, e alla sua gradazione alcoolica, è legata una leggenda relativa ad un importante episodio della storia pugliese: la disfida di Barletta. In quest’occasione, infatti, che vide contrapposti 13 cavalieri francesi contro altrettanti italiani guidati dal celebre Ettore Fieramosca, pare che i Francesi si siano dati al bere vino rosso di Barletta – vinificato a partire da uve di Troia – e che quindi non del tutto lucidi siano stati tremendamente sconfitti dai prodi eroi italiani.

18 Calabria

Calabria è sinonimo di Cirò. Sullo Jonio c’è un territorio, quello delle terre di Cirò, in cui i vigneti arrivano fin sul mare. Il Cirò è sia bianco che rosato che rosso. Tante le cantine, che si sono anche consorziate, e che producono ottime etichette di cui tenere conto. Tra Cirò e Melissa si collocano i vigneti, dalle colline al mare, e il salmastro si coglie fin nel bicchiere, nel bianco che accompagna il pesce, o nel rosato che sa quasi di vaniglia.

terre di Cirò

Vigneti nelle terre di Cirò

Il rosso Terre di Cosenza è invece prodotto nelle colline a nord di Cosenza, in una zona collinare a metà strada tra la Sila e il Pollino, i due grandi massicci montuosi della regione. Si tratta in ogni caso di vini gagliardi, pieni di carattere, ottenuti a partire da uve gaglioppo e da uve magliocco, due vitigni endemici della regione.

Infine, va ricordato un vino dolce delle pendici del Pollino: il Moscato di Saracena, di cui parla Jamaluca sul suo blog.

Giro d’Italia del vino – “isole comprese”

19 Sicilia

Anche la Sicilia ha una storia vinicola piuttosto antica, che risale all’età greca.

Il vino più famoso fuori dall’isola è il Nero d’Avola, un vino rosso notevole, originario dell’areale di Siracusa. Tra i vini bianchi invece l’Inzolia e il Grillo sono i due vini più noti. Ma la Sicilia è terra di vini dolci: chi non ha mai assaggiato lo Zibibbo o il Passito di Pantelleria? Vini da dessert unici, dolci e zuccherini come solo la Sicilia sa essere.

Tra i vini da meditazione si colloca il Frappato, un vitigno autoctono, del Ragusano che dà un prodotto di color rosso rubino dalle profumate note floreali.

Ringrazio Benedetta di Viaggimperfetti.com per i suoi consigli in fatto di vini siculi. E lei, siciliana, è un’esperta!

https://platform.twitter.com/widgets.js

20 Sardegna

Infine, la Sardegna. Ultima ma non ultima, la Sardegna sa imporsi sul mercato del vino italiano con almeno due produzioni importanti: il Cannonau per il rosso e il Vermentino di Sardegna per il bianco. Questi sono i vini più noti in continente. Il Cannonau, lo ispira anche il nome, è un vino potente, fortemente alcoolico, a gradazione piuttosto alta, che ben si accompagna con i piatti di carne della cucina sarda dell’interno (un porceddu al mirto con cosa lo vuoi accompagnare, altrimenti?); al Vermentino è lasciato il compito, invece, di accompagnare i piatti di pesce della cucina costiera della Sardegna. Per i dolci sardi, come i sospiri, le tilicche, i pabassini, i gueffos e le seadas, si consiglia invece la Vernaccia di Oristano, un vino dolce ma non stucchevole.

vini d'italia

La mappa dei vini d’Italia

Lunghetto questo tour dell’Italia del vino, eh? D’altronde, però, ognuna delle 20 regioni italiane ha le sue specificità in fatto di vino. Spero in questo post di aver dato un’idea della vastità e varietà della produzione vinicola italiana, per quanto in modo incompleto: la varietà è infatti grandissima, ed è facile confondersi tra vitigni, vini e areali di produzione. Si fa presto ad andare al ristorante e prendere un vino qualunque: anche dietro al rosso o al bianco della casa, infatti, può nascondersi una lunga tradizione e un prodotto di pregio anche se non da etichetta.

Spero con questo post ad alta gradazione alcoolica di averti dato una mappa con cui orientarti nell’intricato mondo dei vini italiani. Tu che esperienza hai in fatto di vini? Bevi vino ai pasti? Cosa scegli? Parliamone nei commenti oppure sulla pagina facebook di Maraina in viaggio!

Annunci

5 hashtag da usare su instagram per le foto delle tue vacanze in Liguria

Hai deciso di passare le tue vacanze in Liguria. Sei già pronto a fotografare ogni momento della tua vacanza, il bagno a mare, le escursioni sui Monti Liguri, le cene a base di pesce e di pesto, il whale watching, la passeggiata nei vicoli di Genova o dei tanti borghi che puoi incontrare sul mare e nell’entroterra, e naturalmente non vedi l’ora di caricare le tue foto su instagram.

E qui ti voglio.

hashtag instagram vacanze liguria

Quali hashtag usare per condividere su instagram le foto della Liguria?

Gli hashtag, lo sappiamo bene, sono croce e delizia di ogni instagramer, ovvero di ogni utente di instagram. Sei convinto di aver scattato la foto più bella del mondo, magari ti sei impegnato a ritoccarla usando qualche app di fotoritocco (come snapseed, la mia preferita), poi la carichi e… Pochi pochissimi cuori. Pochissime persone apprezzano la tua foto e il tuo estro. Perché, ti chiedi, perché? E qualcuno ti dirà “perché non hai usato gli hashtag giusti”.

E allora vediamo brevemente, per cominciare, 5 consigli sull’utilizzo degli hashtag:

maraina81 instagram liguria

Una delle mie ultime foto su instagram a tema Liguria

1) gli hashtag descrivono la foto. Quando li scrivi devi inserirli in modo da andare dalla descrizione più stringente a quella sempre più ampia e di portata più generale. Non inserire hashtag che non c’entrano niente: non scrivere per esempio #dog se nella foto c’è un panorama, soltanto perché hai visto che è un hashtag di successo.

2) mentre digiti l’hashtag instagram ti dice quante volte quell’hashtag è già stato usato. Se da un lato questa è garanzia della popolarità della parola chiave in questione, dall’altra, se sei un instagramer con pochi follower, non riuscirai mai ad essere scovato perché ci sarà sempre qualche instagramer più grande di te che l’ha appena usato e ti fa scomparire dalla cronologia dei post più popolari. Concentrati invece su hashtag medio/bassi, dell’ordine delle decine di migliaia. Avrai più speranze che la tua foto appaia in prima linea nella cronologia dei post popolari.

3) Ultimamente instagram propone gli hashtag più popolari per te sulla base di ciò che posti: puoi prendere spunto, ma non limitarti a usare quelli. Sempre instagram ha inserito in una lista nera gli hashtag talmente tanto usati da non portare alcun beneficio. Questi anzi, se usati, sono dannosi, perché l’algoritmo di instagram automaticamente li riconosce e punisce la foto non facendola apparire tra i popolari.

maraina81 on instagram liguria

Una delle mie foto più popolari: sicuramente ho usato hashtag adeguati

4) Sicuramente anche tu ormai usi instagram, facendo la ricerca per luoghi o per hashtag geografici, per guardare i luoghi in cui hai deciso di andare in vacanza. Allo stesso modo se sei in viaggio o in vacanza, usa come hashtag il luogo in cui ti trovi, la regione, la città, l’isola o la montagna, a seconda della tua meta. In questo modo aiuterai altre persone che come te cercano immagini di quel luogo, a farsi un’idea. E se la tua foto piacerà loro, ci scapperà il ❤ .

5) Non è detto che sia necessario sempre inserire hashtag popolari. Si possono inserire anche hashtag con poche menzioni, se questi però hanno una storia dietro, come il lancio di un contest, per esempio, o di una campagna specifica. Proprio di questo ti parlo, nell’ultimo hashtag per la Liguria che ti consiglio di usare.

5 hashtag da usare su instagram per le foto delle tue vacanze in Liguria

#lamialiguria

L’hashtag ufficiale dell’ente del Turismo ligure @turismoinliguria è piuttosto popolare e permette di farsi notare proprio dall’ente in questione. Ricordati che se vuoi anche che la tua foto sia ripostata puoi taggare l’ente, il quale valuterà se ripostarti o no. Sul repost delle foto io ho espresso altrove il mio parere. Ma naturalmente è una questione di gusti.

#liguriamoremio

Questo è l’hashtag cui corrisponde @LiguriAmoreMio, profilo lanciato dal carissimo amico e blogger Pietro di Pietrolley, per promuovere la Liguria attraverso le foto degli utenti. Basta che digiti #liguriamoremio per sperare nel repost. La sua gallery, inoltre, è molto variegata, spazia da panorami a borghi da Levante a Ponente.

maraina81 on instagram

una mia foto taggata con #liguriamoremio

#igersliguria (igersimperia, igerssavona, igersgenova e igerslaspezia)

Gli Igers, o instagramers, sono coloro che attivamente creano community intorno a un luogo geografico. Ne esistono per ogni regione italiana e all’interno di essa per ogni provincia o distretto. Così in Liguria abbiamo gli @igersLiguria e, a seguire, gli igers per ogni capoluogo di provincia: @igersimperia, @igersavona, @igersgenova e @igerslaspezia. Non ho mai capito se si pronuncia Igers, Ighers o addirittura Aighers, ma poco importa, sono sul territorio le community più attive, che organizzano anche raduni, gli instameet, ai quali ci si può iscrivere per andare alla scoperta di luoghi poco noti del territorio.

#ig_liguria

Ultimamente questo hashtag sta prendendo piuttosto piede, tanto che sulla mia timeline compare spesso tra gli hashtag più popolari. L’account è @ig_liguria, e anche questo profilo riposta foto degli utenti scegliendo le foto più belle e spaziando tra borghi e ampie vedute panoramiche. D’estate, poi, un focus sul mare è quasi d’obbligo

#emozionidiliguria

#emozionidiliguria instagram

Le primissime foto di #emozionidiliguria: partecipa anche tu!

Questo hashtag è l’ultimo arrivato, e mi aspetto grandi cose da esso. Nato appena due giorni fa dall’idea di Elisa del blog Piccoli grandi viaggiatori (e rispettivo account instagram), e nel quale ha coinvolto il mio profilo, @maraina81, quello di @Pietrolley e quello di Selene, @s.scinic del blog Viaggi che mangi, è legato ad un’ispirazione: la Liguria regala emozioni, dunque, perché non raccontarle con #emozionidiliguria? Chi condivide foto usando quest’hashtag verrà ripostato sulle stories di instagram e sul profilo di @piccoligrandiviaggiatori, e alla fine dell’estate sarà scelta, a nostro insindacabile giudizio, la foto più bella che riceverà via email una sorpresa…

Io fossi in voi parteciperei al contest: farete crescere un hashtag che racchiude in sé un bellissimo concetto, farete sognare noi, soprattutto me che ormai vivo lontana dalla Liguria e, speriamo, vi divertirete.

E buone vacanze in Liguria!

Fotografare in viaggio: smartphone o fotocamera?

Il fotografo, Steve McCurry, Humanity

Fotografare è un’azione imprescindibile per ciascuno di noi. Fissare l’immagine, le immagini, di ciò che vediamo , è diventato in certi casi quasi più importante che vedere le cose stesse. Me ne rendo conto a lavoro in museo, quando osservo sconsolata schiere di bambini che passano e scattano foto agli oggetti quasi a caso, senza guardarli con gli occhi. E gli adulti non sono da meno. È paradossale, lo so, ma in certi casi abusiamo della fotografia. Eppure non è stato sempre così.

Nel mondo del blogging, del quale faccio parte da tanti anni, la fotografia gioca un ruolo fondamentale. Puoi essere anche il miglior narratore e descrittore di paradisi naturali e culturali, ma senza immagini, nel mondo fluido e dinamico del web 2.0 nessuno ti leggerà. L’abbiamo imparato a nostre spese in anni di esperienza, e siamo giunti tutti alla conclusione che i testi sono importanti, sì, ma il corredo fotografico è essenziale. Esistono proprio dei photoblog di viaggio, che sono la sintesi perfetta di questa strada. Per tutti gli altri invece il post è l’esatto equilibrio tra media, quindi immagini o video, e testo. Ci sono alcuni, ahimè, che a scapito della grammatica, orrore, privilegiano le immagini, pubblicando testi vuoti e sintatticamente scorretti. Non potete capire la desolazione quando mi imbatto in uno di essi.

Ma non voglio criticare i blogger che non sanno scrivere in italiano corretto. Ci pensa la rete, ovvero i lettori, che non sono stupidi, a decidere le loro sorti. Io invece volevo parlare di fotografia applicata ai viaggi. Anni fa pubblicai tre post dedicati alla fotografia di paesaggio, basandomi su una guida della National Geographic (che non è proprio una sprovveduta) che mi ero procurata e che continua ad essere per me fonte di ispirazione. Li ripropongo qui, perché possono sempre essere utili:

National Geographic, Guida completa alla fotografia di paesaggio

Come si fotografa un paesaggio 1

Come si fotografa un paesaggio 2

la mirrorless, lo smartphone, la bussola che fa sempre comodo e… scova il saggio intruso!

Fotografare non è importante solo per i blogger, ma naturalmente per tutti. Tutti noi amiamo le foto ricordo, che siano cartoline dei luoghi che visitiamo, o che siano foto di gruppo o selfie (parola nuova per indicare una pratica decisamente vecchia). Ed è interessante ripercorrere le varie tappe del percorso che ci ha portato fino ad oggi. Parlo qui di fotografi amatoriali, non di professionisti, naturalmente, i quali non hanno certo bisogno di questo post per capire qual è il mezzo fotografico che più si confa alle loro esigenze. Voglio raccontare, piuttosto, la mia esperienza da amatrice, da persona che, non sapendo disegnare, può solo usare le parole, e le fotografie, per descrivere ciò che vede.

C’era una volta…

In principio era il dagherrotipo. Scherzo, senza andare troppo indietro nel tempo, e andare a parlare di foto al collodio e camera oscura, mi basterà citare alcuni autori fondamentali della fotografia del Novecento: Lewis Hine, fotografo impegnato nel sociale nella New York degli anni ’20, Robert Capa, reporter  di guerra durante la Seconda Guerra Mondiale, Robert Doisneau, che raccontò Parigi attraverso il suo obiettivo, autore del celebre Bacio a suggello della fine della Seconda Guerra Mondiale, nonché autore di alcune tra le più celeberrime foto di tutti i tempi, e ancora Steve McCurry, fotografo del National Geographic, che ha raccontato l’uomo nel mondo e la Regione Umbria con il progetto Sensational Umbria, e Sebastião Salgado, che nei suoi reportages ha cercato il rapporto dell’uomo con la natura, un rapporto spesso interrotto, spesso sovrastato, ma tante volte armonico. Sono autori di reportage, artisti nel loro campo. Le loro tecniche e i loro trucchi non sempre sono svelati e spesso i loro dietro-le-quinte ci possono deludere (tante foto di guerra di Robert Capa sono messe in posa, per esempio, così come il famoso Bacio di Doisneau, che è ricreato ad arte, o gli scatti di McCurry): ma il fotografo è un artista che vede un’immagine anche dentro la sua testa, e cerca così di riproporla, capace di aspettare ore che la situazione si presenti da sola, oppure chiedendo di ricrearla a comparse trovate sul posto.

E dopo cotanti personaggi, veniamo a me.

Quando feci l’interrail, un mese attraverso l’Europa, nell’ormai lontano 2003, avevo a disposizione una macchinetta fotografica col rullino. In quel viaggio, che pure durò tanto e toccò varie capitali europee e luoghi incredibili, scattai soltanto 3 rullini. All’epoca ogni singola foto aveva un valore, e soprattutto non c’era la possibilità di verificare subito se fosse venuta bene o no. Io personalmente avevo l’incubo di cambiare il rotolino perché temevo di bruciarlo…

Una pagina del mio diario cartaceo dell’interrail del 2003 (non esistevano ancora i blog!) ad Amsterdam: una delle foto è mezza bruciata perché era l’ultima del rullino! (PS: io sono quella con la maglietta rossa)

Breve storia della recentissima fotografia 

Flatiron

Il Flatiron Building, foto scattata con fotocamera nikon compatta

In questi anni sono cambiate tantissime cose in campo fotografico. Innanzitutto sono arrivate le fotocamere digitali, che hanno permesso di vedere in tempo reale la qualità di ogni singolo scatto ed hanno aumentato a dismisura le possibilità di fare foto perché, non dovendo svilupparle, e quindi pagare, potenzialmente se ne possono scattare e immagazzinare centinaia. Sono iniziate così quelle serate tediosissime in cui ci si piazzava davanti ad un pc e mentre il viaggiatore di turno illustrava una per una ogni singola foto, gli altri accanto uno dopo l’altro sbadigliavano, andavano e venivano dal bagno, simulavano un malore o la telefonata della prozia d’America. Il migliore fu un amico che all’ennesima foto lungo la Fifth Avenue disse “Bene, ora unn’importa anda’ più a New York: la s’è già bell’e vista tutta!

Il passaggio successivo è stato l’approdo della fotocamera sul telefonino, che nel frattempo diventava smartphone: una fotocamera che modello dopo modello è diventata talmente competitiva da poter sostituire tranquillamente le fotocamere digitali, per lo meno quelle compattine da fotoamatori. L’avvento della fotocamera sullo smartphone è andato di pari passo con una sempre maggiore immersione nei social, al punto che è diventato fondamentale (per molti anche un lavoro) condividere le immagini in tempo reale. Ecco che allora lo smartphone è diventato il mezzo più usato da blogger e social media addicted per condividere immagini all’istante: vedi un tramonto? Devi condividerlo subito, non domattina! Sei a un evento? Devi documentarlo subito, non puoi aspettare. La necessità della velocità è stata ed è una validissima alleata degli smartphone in campo fotografico.

Galleria Sciarra a Roma. Foto scattata con Canon Eos M10 e ritoccata con app snapseed

Ma le fotocamere potevano accettare di farsi mettere da parte? Assolutamente no!

In principio fu la Samsung, già stimata casa produttrice di smartphone, la concorrente più acerrima degli I-phone, a lanciare sul mercato la Samsung Galaxy Camera, che consentiva di scattare foto e di pubblicarle direttamente sui social se collegata a rete wifi. La provai, ormai anni fa, nel corso di un instameet per le strade di Firenze.

Poi le altre case si sono adeguate e così sia Canon che Nikon, che altre case produttrici, hanno cominciato a produrre le loro fotocamere in modo da poter condividere gli scatti sui social. Come? Creando esse stesse un campowi-fi al quale collegare il proprio smartphone. Attraverso l’app della fotocamera installata sullo smartphone è possibile scaricare le foto, eventualmente sistemarle con le app di fotoritocco, e pubblicarle subito sui social. Non è meraviglioso? ❤

In tutto questo i fotografi, quelli veri, continuano ad usare le fotocamere reflex, professionali, e ad usare gli obiettivi che ritengono più opportuni per i loro scatti: grandangolo, macro, 18-55 e chi più ne ha più ne metta. Ogni fotografo ha la sua cifra stilistica e il suo progetto da perseguire. I reportages dei fotografi professionisti sono una cosa che un blogger che scatta in funzione di ciò che pubblicherà si può solo sognare. Soprattutto, i fotografi professionisti non hanno l’ansia da pubblicazione-sui-social-immantinente. Va detto che, in alcuni campi, molti blogger sono diventati dei veri professionisti della fotografia: nel mondo dei foodblog, per esempio, saper scattare ottime foto è fondamentale (Alice, per esempio, ci riesce piuttosto bene). Accanto alle reflex, ultimamente, si sta imponendo un nuovo modello di fotocamera, un anello di congiunzione, se vogliamo, tra la compatta e la reflex: è la mirrorless. Ne parlo tra poco.

La mia esperienza

Negli anni ho cambiato spesso il dispositivo con cui fare fotografie nel corso dei miei viaggi e condividerle qui sul blog e sui social. I primi anni usavo una fotocamera compatta, senza troppe pretese (lo ammetto: non sono una grande appassionata di tecnica fotografica, per quanto mi piacciano le belle fotografie); poi, quando la fotocamera del mio smartphone ha superato la qualità della mia ormai vetusta compattina, sono passata allo smartphone: il viaggio nella Spagna del Sud del 2016 l’ho documentato solo con lo smartphone, e devo ammettere che se da un lato mi è dispiaciuto non poter usare nulla di più sofisticato, dall’altro devo dire che non ho niente da rimproverare alla qualità delle mie foto.

Eppure, dovevo fare il salto…

Palazzo Vecchio, appartamenti di Eleonora da Toledo, soffitto con Penelope che tesse. Foto scattata con canon Eos M10 non ritoccata

L’estate scorsa ho colto al volo l’occasione offerta dagli Instagramers di Firenze di provare gratuitamente una fotocamera Canon all’interno di Palazzo Vecchio. Allora ho voluto provare qualcosa di più di una semplice compattina, ma non impegnativa come una reflex (per la quale nutro un timore reverenziale e che non sarei capace a usare). Così mi è stata proposta una mirrorless: la Canon Eos M10. Mirrorless è ogni fotocamera priva di mirino e, quindi, di specchio. Ciò che si fotografa appare nello schermo (che può essere touchscreen) e non viene mediato dal mirino che contraddistingue le reflex. Diciamo pure che il modo per capire, ad impronta, se qualcuno ha una reflex o una mirrorless sta nel notare se ha il mirino oppure no. (in questo interessante post si spiega cos’ha di buono la mirrorless e perché non ha niente da invidiare alle reflex)

A Palazzo Vecchio mi divertii un sacco, scattai foto di una bellezza, di una morbidezza, di una lucentezza che con lo smartphone mi sognavo. In più avevo notato, da qualche tempo, che i blogger ormai usano tutti o quasi una fotocamera seria, possibilmente reflex, comunque qualcosa di più del semplice telefono: i blogger puntano ad una migliore qualità delle foto, altro che immediatezza della condivisione in tempo reale.

Una rosa con lo sfondo di Firenze, Giardino delle rose di Firenze. Foto scattata con Canon EosM10, non ritoccata

Alla fine mi sono convinta anch’io. Ho deciso che avrei comprato proprio quel modello di mirrorless dotato di wi-fi che avevo provato a Palazzo Vecchio. Pochissimi mesi fa ho fatto l’acquisto, e sono soddisfattissima. Continuo a scattare foto con lo smartphone, per carità. Ma la bellezza delle luci e dei colori della mirrorless è impareggiabile. Inoltre, grazie al wi-fi e alla possibilità di passare sullo smartphone le fotografie per poterle condividere, io ritocco, quella che più, quella che meno, alcune delle foto prima della condivisione: uso l’app Snapseed, che è davvero notevole per le modifiche che consente di fare. Snapseed è per me il corrispettivo di photoshop per pc. Ritoccare le foto non è un delitto, praticamente tutti i fotografi lo fanno, mentirebbe chi vi dicesse il contrario. Dunque anch’io nel mio piccolo ritocco, e reinterpreto, le mie fotografie.

Questa è la mia storia: nell’ultimo periodo sono passata dalla fotografia selvaggia con lo smartphone a quella con la fotocamera mirrorless. In questo momento mi ritengo molto soddisfatta della mia evoluzione. I risultati li potete constatare voi stessi, nelle fotografie che pubblico qui a corredo dei post e sulla pagina facebook di Maraina in viaggio.

Ma adesso voglio sapere il vostro parere: come documentate i vostri viaggi? smartphone, mirrorless, compattina o reflex?

Natale: cosa regalare agli amanti dei viaggi?

Nelle passate edizioni natalizie, non in tutte, ma in qualche caso sì, ho dedicato qualche post ai regali di Natale. Mettendomi nei miei panni ho pensato “Cosa potrei mai regalarmi per Natale?” Siamo giunti così all’edizione 2015. Il web in effetti già impazza di post dedicati al tema, per cui mi sento in dovere di dire anch’io la mia.

Fermo restando che il regalo migliore è sempre un viaggio, ecco allora la mia wishlist per Natale 2015:

  • planner trip magnetico: ricordate quando su TripAdvisor potevate mettere le bandierine dei luoghi del mondo in cui eravate stati e quelle dei luoghi che avreste voluto visitare? Quella era un’app per facebook di qualche anno fa, mentre ora il planner trip, con l’indicazione di dove siete già stati e di dove vorreste andare, ve lo potete appendere in camera o nello studio, e aggiornarlo di volta in volta: a me l’idea di poter alzare lo sguardo e visualizzare dove sono già stata colma il cuore di gioia, e l’idea di poter aggiungere a piacimento le bandierine del “un giorno, forse” mi garba ancora di più. Il planner si trova in vendita nei negozi della catena Techiteasy a Roma, e il consiglio l’ho beccato in questo preziosissimo post di Viaggiare è sognare.
  • Il libro fotografico India raccoglie gli scatti più belli di Steve McCurry

    Se amate la fotografia non potete restare insensibili ai reportage fotografici di personaggi del calibro di Steve McCurry. Il suo libro fotografico India raccoglie i suoi meravigliosi scatti dedicati a questa terra così distante da noi e così affascinante. L’obiettivo di McCurry non risparmia la miseria e la bellezza, si perde negli occhi dei bambini e degli adulti, coglie i momenti del lavoro e del gioco, del riposo e dell’azione, costruisce poesie visive dipingendo la realtà. E non si può che restare incantati a sfogliarne ogni pagina.

  • Se siete in partenza per il vostro prossimo viaggio, la Moleskine ha realizzato per voi la Voyageur Traveller’s notebook, un diario nel quale annotare tutto, il racconto, i luoghi, gli hotel, secondo quanto vi piace fissare lì per lì la vostra esperienza su carta. Il Voyageur Travellers’ notebook si va ad aggiungere agli altri prodotti pensati per i viaggiatori, quali il Travel Journal, un carnet studiato apposta per annotare in modo ordinato tutto ciò che può servire durante l’organizzazione e lo svolgimento del viaggio, e alle City notebook, disponibili per Londra e per Parigi, comprensive di mappe e di spazi appositi per note, per indirizzi, per suggerimenti: un vero e proprio planner che vi autoproducete mentre progettate il viaggio e che consultate durante il suo svolgimento: se vi piace dedicarvi all’organizzazione al dettaglio, quest’agenda può tranquillamente sostituire la guida (che tanto avrete già mandato a memoria)!
  • La CrumpledCity di Palomar, la cartina che puoi stropicciare e non si rovina!

    La CrumpledCity di Palomar, la cartina che puoi stropicciare e non si rovina!

    Tutti noi quando viaggiamo abbiamo un incubo: consultare la cartina. O meglio, non consultarla, ma rimetterla a posto dopo averla consultata: è sempre un dramma cercare di ripiegarla seguendo le pieghe preimpostate, che ogni volta però non tornano; i casi allora son due: o ve ne fregate e la spiegazzate alla bell’e meglio oppure ci perdere mezz’ora e un po’ di buonumore. Ebbene, signore e signori, il problema è finito! È stata inventata la Crumpled City, la prima cartina fatta apposta per essere stropicciata, appallottolata, gettata alla rinfusa in borsa tra una consultazione e l’altra. In vendita su Palomarweb, è l’idea semplice, ed efficace, per chi ama ancora consultare la cartina invece che affidarsi alla comodità del navigatore.

  • E infine, amanti dei viaggi e del té come me, questa tazza è fatta per voi: un planisfero su cui cala la notte o risplende il giorno in funzione del calore del suo contenuto. La Day Night Mug (in vendita su Fab.com) fa fare il giro del mondo in tazza. Adatta a chi si ritiene un viaggiatore in pantofole 😉

    La Day Night Mug, con il pianeta terra che si rabbuia o si illumina col calore

    La Day Night Mug, con il pianeta terra che si rabbuia o si illumina col calore

Vi bastano come idee? E voi? Cosa regalerete a chi ama viaggiare?

Fashion Museums in Florence 4): il Museo del Tessuto a Prato

museo tessuto prato

L’avete mai visto da vicino un telaio? Eccolo nella prima sezione del Museo del Tessuto di Prato

Lo so, lo so, Prato non è Firenze, anche se molto vicina geograficamente. E lo so, lo so, il Museo del Tessuto non è un museo di moda, ma permettetemi di dire che se non esistessero i tessuti, non esisterebbe neanche la moda. Così, in questo itinerario nato un po’ per caso, un po’ per curiosità, dei musei della moda di Firenze, e che mi ha portato dapprima nei musei dei due grandi marchi Ferragamo e Gucci e poi in quel museo di storia della moda che è la Galleria del Costume, non potevo non completare il cerchio con il museo del Tessuto. Museo molto didattico, il suo percorso si svolge su due livelli: un’introduzione teorica ai tessuti, con l’illustrazione delle materie prime e delle fibre naturali, artificiali e sintetiche, quindi dei processi di lavorazione, filatura, cardatura, tessitura e tintura; il secondo livello è dedicato invece alla storia di Prato come centro di produzione tessile. La storia della tessitura a Prato è in effetti lunga e avvincente: inizia nel Medioevo, agli inizi del XII secolo, lungo il corso del fiume Bisenzio, sul quale erano installate le gualchiere per follare i panni di lana. Se non sapete che vuol dire “follare” dovete tornare indietro nel percorso: la follatura è un processo di lavorazione della lana che consiste nel compattamento del tessuto anche per impermeabilizzare. E torniamo alla storia della produzione tessile a Prato. Per il processo della follatura era necessaria l’acqua, per cui le acque del Bisenzio vennero convogliate in un canale detto Gorone e poi divise in tre gore che attraversavano il contado e il centro abitato (e che solo nel Novecento sono state interrate).

Tra i personaggi che si impongono nella storia della produzione tessile di Prato va segnalata la figura dell’imprenditore Francesco di Marco Datini. Costui riuscì a costituire un’attività su scala internazionale che collegava gli opifici di tessitura di Prato a Genova, alla Catalogna e alle Baleari, con le quali commerciava i prodotti finiti, alla lontana Inghilterra nella quale si procurava anche la materia prima, e a Firenze dove aprì una banca: un’attività imprenditoriale che seguiva tutta la filiera di produzione, dal reperimento delle materie prime fino alla commercializzazione del prodotto finito.

museo del tessuto prato

Macchinari per la lavorazione dei cenci – Museo del Tessuto Prato

Un altro personaggio importante per la Prato legata alla produzione tessile è Giovan battista Mazzoni che introduce la meccanizzazione della filiera tessile, imprescindibile premessa per la produzione su scala industriale. Questa ha poi un grande grandissimo sviluppo con l’introduzione della tecnologia della lana rigenerata. Di che si tratta? E’ la fibra ottenuta dalla stracciatura dei “cenci”, abiti, tessuti e scarti di sartoria, destinata ad essere nuovamente filata. Questa tecnologia prende particolarmente piede a Prato, dove addirittura si forma la figura professionale del cenciaiolo, colui che al tatto riesce a classificare la qualità e le caratteristiche degli stracci in vista di un loro riutilizzo. In questa produzione, Prato diventa il centro più importante su scala internazionale e la sua fortuna come centro tessile è tuttora dovuta a questo tipo particolare di lavorazione.

Un video 3D a misura di bambino racconta l’importante ruolo della tessitura a Prato, mentre nella sala sono esposti, oltre ad alcuni abiti di collezione, anche i macchinari per la lavorazione dei cenci e i cenci stessi, raccolti e suddivisi a seconda del colore o della qualità del tessuto. Video e touch screen aiutano nella comprensione e completano il percorso espositivo.

Il museo riesce a rendere semplice un processo e una materia che semplice non è, ma soprattutto riesce a incuriosirci su un argomento che magari ci interessa poco e che però è fondamentale per noi: da dove vengono i vestiti che indossiamo? Lo diamo per scontato, eppure dietro il più semplice capo di abbigliamento, il più piccolo frammento di stoffa, c’è un lavoro e un saper fare sorprendenti, una storia che il Museo del tessuto di Prato oggi ci racconta.

Fashion Museums in Florence – 3) Galleria del Costume a Palazzo Pitti

In un itinerario che tocchi i musei della moda di Firenze (abbiamo già visto il Museo Ferragamo e il Museo Gucci), non può mancare una visita alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti. La Palazzina della Meridiana di Palazzo Pitti ospita infatti uno spazio museale dedicato alla storia della moda e dell’abbigliamento. Concepito per esposizioni temporanee che si alternano volta volta, per permettere a parti sempre diverse dell’imponente collezione di uscire ogni tanto dal “guardaroba” fa sì che attraverso vestiti e accessori si possano raccontare aspetti diversi della storia del Costume italiano e non solo. E’ un museo dinamico, in questo senso, e oltre ad essere l’unico museo di storia della moda in Italia è anche uno dei più importanti al mondo.

galleria del costume

Dettagli di stile nell’eclettica collezione di Cecilia Matteucci Gavarini, una delle “Donne protagoniste” alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti

In questo momento, la sua esposizione è dedicata a “Donne protagoniste”: modaiole, collezioniste di abiti, stiliste, fashion victims di altri tempi, donne che col loro gusto hanno fatto tendenza e in qualche caso sono diventate vere e proprie icone.

Tanti i nomi, più noti e meno noti: Eleonora Duse; la stilista di primo Novecento Rosa Genoni, che per prima incoraggiò il Made in Italy nella storia della moda, prendendo come spunto l’arte italiana del Rinascimento; la giornalista di moda Anna Piaggi, una Miranda da “Il diavolo veste Prada” ante litteram, che inventò il vintage prima ancora che ne venisse coniato il termine; Susan Nevelson, partner di Ken Scott, stilista e artista eccentrica; Lietta Cavalli, artista più che stilista, grande innovatrice; Cecilia Matteucci Lavarini, una vera fashion victim, collezionista eclettica di haute couture e costumi orientali.

Queste esposizioni temporanee, se da un lato faranno sbadigliare il vostro accompagnatore, a voi donnine che mi leggete manderanno sempre in visibilio: abiti sontuosi, di ogni tempo e luogo, realizzati per una qualche occasione, indossati da qualche illustre personaggio… Vedere questi abiti su un manichino, trasformati in opere d’arte o documenti del passato conferisce loro un senso quasi di profonda reverenza. Quello della moda è davvero un ambito artistico di cui è bello approfondire la conoscenza: nulla ci è più familiare e quotidiano dei vestiti che indossiamo, e ho scoperto che scoprirne l’origine, la storia, le curiosità è un modo ulteriore per sapere qualcosa in più sulla nostra società e sulla nostra cultura.

Non solo abbigliamento nelle creazioni artistiche di Lietta

Non solo abbigliamento nelle creazioni artistiche di Lietta Cavalli

Una mostra temporanea è attualmente dedicata a Piero Tosi, costumista originario di Sesto Fiorentino che recentemente ha vinto un oscar alla carriera per i suoi lunghi anni di lavoro accanto a grandi registi e per la realizzazione di numerosi film. Realizza gli abiti della Medea di Pasolini, della Locadiera di Visconti, lavora con Franco Zeffirelli, Federico Fellini, Liliana Cavani, Mario Monicelli, Vittorio De Sica. I suoi costumi sono sempre caratterizzati da una grande attenzione al modello storico di riferimento, al contesto, senza tralasciare ovviamente la personalità e la psicologia del personaggio per cui è disegnato.

galleria del costume

costumi di scena per la Medea di Pasolini

Ma la parte più interessante del percorso espositivo della Galleria del Costume, quella per cui davvero si può parlare di storia della moda, è l’esposizione degli abiti con i quali furono seppelliti Cosimo I Medici, Eleonora di Toledo e il loro figlio Garcia. Gli abiti, recuperati dalle loro salme molti anni fa, e variamente conservati fino al loro restauro in anni relativamente recenti, erano ormai per molta parte consunti e scomparsi. Il restauro ha permesso di ricostituire alcuni capi del loro abbigliamento, come il panciotto di Garcia (con un’imbottitura sulla pancia a simulare la pancetta!), e il busto di Eleonora di Toledo.

il busto di Eleonora di Toledo, risalente alla metà del Cinquecento

il busto di Eleonora di Toledo, risalente alla metà del Cinquecento

Le stanze nelle quali questi autentici documenti dell’abbigliamento signorile di metà Cinquecento sono conservati sono molto buie, per preservare il più possibile i tessuti da un’ulteriore degrado dovuto alla luce. Scordatevi comunque di vedere sontuose gonne e preziosi mantelli: lo stato di conservazione non è dei migliori perché veramente poco si è preservato; ma è quel tanto che basta per rendersi conto di come vestivano, un documento che va ad aggiungersi a ciò che i dipinti dell’epoca ci mostrano. E sembrerà strano, ma vedere i loro abiti li rende molto più vicini a noi di quanto non si creda, non semplicemente personaggi storici, ma persone vere e vive: così posso immaginarmi davvero Cosimo I o Eleonora di Toledo aggirarsi con indosso quegli abiti per i loro appartamenti di Palazzo Vecchio.

Se riuscite a staccare gli occhi dagli abiti esposti, date un’occhiata agli arredi e ai soffitti affrescati: la Palazzina della Meridiana è un corpo annesso al complesso di Palazzo Pitti, cui si accede anche dal Giardino di Boboli, voluto dal Granduca Pietro Leopoldo e realizzato tra fine Settecento e inizio Ottocento; fu scelta da Re Vittorio Emanuele II come dimora durante gli anni di Firenze Capitale d’Italia, e a seguire fu abitata da altri rappresentanti della casata Savoia. Le decorazioni, così come gli arredi, riflettono lo stile e i temi cari alla casa regnante italiana a fine Ottocento. Solo nel 1993 è diventata sede della Galleria del Costume, ma l’aria da residenza signorile, anzi principesca non l’ha mai perduta.

Fashion Museums in Florence – 2): Gucci Museo

Ecco, il Museo Gucci è il classico luogo che fa tendenza anche solo a nominarlo. Innanzitutto perché Gucci è Gucci, poi perché a Firenze non occupa uno spazio qualunque, ma addirittura il Palazzo della Mercanzia, in Piazza della Signoria, palazzo storico, edificato nel Trecento, che dal Trecento dunque è testimone della storia della città, così vicino com’è al palazzo del potere, Palazzo Vecchio.
Il museo si sviluppa su tre piani, distinti per temi, ma secondo un percorso in qualche misura anche cronologico, che inizia con Guccio Gucci, che di mestiere faceva il liftboy (il facchino addetto all’ascensore!) nel prestigioso Hotel Savoy di Londra agli inizi del Novecento. A Guccio Gucci di certo non mancava la creatività, né tantomeno lo spirito di iniziativa. Studiò molto a lungo quei ricchi signori e quelle signore ben vestite che accompagnava in ascensore. Ne studiò l’abbigliamento, gli accessori, i bagagli, le necessità, i vizi e i vezzi. Poi tornò in Italia, a Firenze, e trasformò in pelle quello che aveva imparato. Nacque il marchio Gucci, dedicato fin dall’inizio proprio ad una clientela di un certo livello, con un’attenzione tutta particolare al lifestyle inglese.
image
Valigie da viaggio, bauli, beauty cases; coccodrillo, cinghiale, canapa: ecco cosa usciva dalla pelletteria Gucci nei primi decenni della sua esistenza (continuando anche dopo); e si impone da subito come marchio talmente elitario che nel 1979 viene realizzata in tiratura limitata addirittura una Cadillac Gucci, con i cerchioni col logo GG e gli interni a GG e striscia verde e rossa che contraddistingue il marchio: la si può ammirare in museo, al piano terra, e ci si può avvicinare tantissimo, e farsi una foto accanto, proprio come spesso si vede fare con le Ferrari o le Lamborghini a Montecarlo (sì, ehm, lo confesso: l’ho fatto anch’io. Ma ero giovane…).
image
Al piano superiore il museo ospita uno spazio dedicato all’arte contemporanea e un salotto cinema dove sono mostrati stralci di pellicole che la Gucci ha finanziato nell’ambito di The Film Foundation, fondata da Martin Scorsese per il restauro, la tutela e la conservazione di vecchie pellicole che andrebbero altrimenti irrimediabilmente perdute.
Poi si prosegue nel percorso museale: Gucci ci parla di Flora, una particolare linea della collezione, nata da un foulard floreale che fu donato a Grace di Monaco nel 1966 e che da lì ha avuto un’incredibile fortuna, andando a imporsi su borse, abiti, persino su una produzione di ceramiche fatta in collaborazione con la Richard-Ginori. Da ultimo, Flora è anche un profumo (un profumo, tra l’altro, che uso: e scoprire che il suo nome non è casuale ma ha una storia è stata davvero una sorpresa!).
Si prosegue poi con l’antro delle meraviglie per noi donne che sbaviamo sulle vetrine delle belle boutiques: una piccola collezione di abiti da sera e da gala disegnati per le dive del cinema: è la linea Gucci Prémière, lanciata da Frida Giannini nel 2010, e io sono letteralmente impazzita per l’abito disegnato per Salma Hayek!
Al secondo piano ci dedichiamo più all’uomo, al lifestyle, al logo GG (che compare negli anni ’60) e al mondo dell’ippica da cui spesso Gucci trae ispirazione, mentre l’ultima sala è dedicata alla linea di borse Bamboo, così chiamate perché caratterizzate dal manico in bambù: anch’essa una produzione che si rinnova di anno in anno, collezione dopo collezione, assolutamente identificativa del marchio Gucci.
Prima di abbandonare il museo, non si può non sostare almeno per un caffè al Gucci Museo Caffè: un locale elegante, che fa anche ristorante, affacciato su Piazza della Signoria e che accoglie come avventori non necessariamente i visitatori del museo.
image
Dal 1921, quando Gucci aprì il primo negozio a Firenze, ne è passata di acqua sotto i ponti. Oggi Gucci è sinonimo di Made in Italy in tutto il mondo. E la sua storia merita di essere raccontata. Presentare questa storia in forma di museo è un modo per consacrare ulteriormente il marchio, per raccontare un altro volto del made in Italy e della Moda, insieme a Ferragamo. E forse non è casuale che sia stata e sia tuttora Firenze la loro città madre.