Diario di viaggio a Marrakech – Palais de la Bahia

30.10.2019

Direzione Palais de la Bahia

marrakech_el-Badi
Una cicogna e il suo nido sulle mura di El-Badi

Al mattino ci sganciamo dal gruppone e rimaniamo il gruppetto di 6 italiani di partenza. Prendiamo come sempre la direzione della Koutoubia. Da qui andiamo a cercare il Palais el Badi, considerato il monumento più importante della città: il nome significa “incomparabile” e in effetti questa residenza enorme fu voluta nel XVI secolo da Ahmed el-Mansour che la abbellì e arricchì di marmi, avori e legni preziosi provenienti da ogni parte del mondo conosciuto. Nel momento del suo massimo splendore questo palazzo, realizzato in stile ispano-moresco (richiama infatti l’Alhambra di Granada oppure il Real Alcazar di Siviglia) si componeva di 370 stanze. A fine XVII secolo, però, il palazzo fu parzialmente demolito. Oggi ospita il festival nazionale di arte popolare e una serie di altre manifestazioni. Motivo per cui noi lo troviamo chiuso, accidenti. Non prima di esserci persi per trovarlo. Non fidatevi mai ciecamente di Google Maps: in certi casi meglio chiedere alla gente del posto: nella Kasbah, dove El Badi si trova, sono tutti molto disponibili e gentili con chi si guarda intorno con sguardo interrogativo.

marrakech_kasbah_5
Place des Ferblantiers

La Kasbah è indubbiamente tranquilla e pacata rispetto agli altri quartieri che abbiamo attraversato fin qui. Dopo la delusione di El Badi chiuso, ripieghiamo sul Palais de la Bahia, poco distante, compreso tra la Kasbah e il quartiere ebraico.

marrakech_palais-Bahia
Tappeto? No, soffitto! Uno dei soffitti che decorano gli ambienti del Palais de la Bahia

Anche la Bahia è una residenza notevole in cui lo stile ispano-moresco la fa da padrone. Solo che è stata costruita a fine ‘800, e dunque è una sorta di falso stilistico. Ciò non toglie che sia molto bello percorrere le sue sale, attraversare cortili e giardini, perdersi nell’ammirare le trine complicatissime in cui sono scolpiti capitelli e architravi, mentre le pareti e i pavimenti sono rivestiti in zellij, frammenti di maiolica colorata assemblati a formare disegni geometrici intricati e fantasiosi: chi ha visitato la Spagna riconoscerà senz’altro una somiglianza con gli azulejos (anche nel nome) e in effetti certe fantasie si ritrovano molto simili al Real Alcazar di Siviglia e qui.

marrakech_palais-Bahia_1
Un altro splendido decoro negli ambienti della Bahia

Al Palais de la Bahia trascorriamo un po’ di tempo a goderci i dettagli delle sale rivestite a zellij, illuminate da vetri colorati, alternate a giardini verdeggianti e con fontane. L’acqua – così come il giardino – è un elemento fondamentale nelle architetture arabe: così come nella Spagna di epoca araba, anche qui l’acqua e il verde, e la capacità umana di domarli e di piegarli in funzione della bellezza, sono un fattore importante.

marrakech_palais-Bahia_3
Perfettamente in tinta con la splendida corte del Palais de la Bahia, che qui in particolare crea una perfetta sintesi tra l’architettura di fine ‘800 e i decori ispano-moreschi

Quando usciamo ci infiliamo per un attimo in un piccolissimo souk dell’oro: ammiriamo i gioielli in filigrana finissima; vediamo nelle vetrine anche cinture per i kaftani, veri e propri capi d’abbigliamento-gioiello. Poi ci infiliamo per un piccolo tratto nel quartiere ebraico, in direzione della Sinagoga. Presto però ne usciamo: l’atmosfera è piuttosto respingente, per cui torniamo su Place des Ferblantiers, sulla quale si aprono alcuni negozietti e locali.

marrakech_kasbah_4
L’ingresso al souk dell’oro davanti al Palais de la Bahia, Place des Ferblanters

Da qui torniamo verso Place Jemaa el-Fna per il pranzo.

jemaa-el-fna
Place Jemaa-el-Fna

Saliamo in terrazza del ristorante Les Primices che si colloca su un angolo della piazza. Da qui la nostra vista può spaziare a 360° sui tetti dei riad circostanti e sulla piazza, il cui rumore ossessivo di pifferi e tamburi ormai conosciamo molto bene. Spiedini di carne e té alla menta. Il pranzo è servito, mentre in lontananza vediamo volare le cicogne.

Le nostre esplorazioni terminano qui.

Torniamo verso il quartiere della Menara, dove abbiamo l’hotel, per prepararci con calma alla serata: il ricevimento del matrimonio infatti inizia alle 22, ma terminerà alle 6 del mattino.

jemaa-el-fna
Place jemaa-el-fna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: