Diario di viaggio a Marrakech – festa in famiglia

29.10.2019

La giornata di oggi è quasi completamente dedicata alla vigilia offerta dalla famiglia dello sposo, Noaman, in una villa superba poco fuori dalla città. Per raggiungerla percorriamo quartieri popolari e residenziali e ci rendiamo conto di quanto si stia espandendo Marrakech, quasi a macchia di leopardo. Per certi versi questo aspetto mi ha ricordato Dubai anche se, certo, le differenze tra le due metropoli sono notevoli ed evidenti.

Marrakech
Attraversando in auto la periferia di Marrakech

La festa dell’henné

Marocain-Henné
Henné alle mani e té alla menta in mano: cosa volere di più?

Nella villa conosciamo la madre dello sposo che prepara per noi tutto il pranzo. Poi alle donne spetta la seconda parte della preparazione al matrimonio: la festa dell’henné, o henna, come viene chiamato qui. Mi faccio tatuare entrambe le mani. È stupefacente. L’artista che lo fa disegna velocissima linee e punti, a creare sempre nuove fantasie sulla pelle. Meraviglioso.

Peccato solo che durerà poco. Viene servito té alla menta accompagnato da dolciumi, mentre si scatenano danze berbere a cura di tre donne brutte come megere, piuttosto agées, ma agilissime, col ritmo nel sangue e nei tamburelli che suonano con una vitalità dirompente.

Cantano e suonano il tamburo, ballano e coinvolgono nelle danze. Danze in cui non serve essere bravi, perché non c’è una coreografia o un passo predefinito. Il top si raggiunge con la danza delle candele: al ritmo dei tamburi e del canto una delle tre si esibisce in una serie di evoluzioni mentre regge in testa un vassoio con teiera, i bicchieri e le candele su di essi: semplicemente uno spettacolo.

Il pranzo in famiglia

couscous marocain
Couscous fatto in casa, con carne, verdure varie e uova di quaglia

Ma parliamo del pranzo: per iniziare riso con verdure variamente cucinate, più alcune fave condite con qualche spezia piccante che io divoro! A seguire couscous con carne, verdure e uova di quaglia da accompagnare con una salsa speziata per bagnare il couscous. Infine il pollo al limone.

Il pranzo si sviluppa per tutto il pomeriggio e si dilunga la sera, quando continuano i balli nella splendida cornice di questa villa esotica.. Se questa è la festa in famiglia, chissà cosa sarà la festa tradizionale! Lo scoprirò domani sera, a partire dalle 22.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: