Passaporto for dummies. Come richiedere il passaporto senza farsi prendere dal panico

Eh sì, ogni 10 anni ci tocca: scade il passaporto e dobbiamo rinnovarlo. A differenza della carta d’identità, che va rinnovata subito alla scadenza, per il passaporto possiamo pure procrastinare. Ameno che, certo, non abbiamo in programma un viaggio fuori dai paesi dell’UE.

Io sono pigra, lo ammetto. E ho aspettato di vedersi concretizzare la possibilità di un viaggio extraeuropeo prima di decidermi a rinnovare il mio passaporto, scaduto già da un anno!

Comunque mi sono messa all’opera e ho cercato di capire come e cosa fare.

La fonte di informazioni più efficace, sicura e garantita è, naturalmente, il sito web della Polizia di Stato che ha proprio una sezione specifica dedicata al rilascio del passaporto.

Sul sito web della Polizia di Stato è spiegato tutto piuttosto bene, tuttavia ho pensato che potrebbe essere utile una guida agevole, con tanto di infografica, che spieghi passo passo tutti gli step necessari al rinnovo del passaporto.

Ecco allora i punti fondamentali di cui tenere conto.

passaporto
Il mio passaporto: dall’Australia al Perù passando per NYC, Dubai, Giordania e Marocco. Ora è scaduto e ho dovuto rinnovarlo.

Richiedere il passaporto: la fototessera giusta

Sembra la cosa più semplice, eppure non lo è, innanzitutto perché tutti noi siamo un po’ narcisi e se non veniamo bene in fotografia ci lamentiamo. In secondo luogo perché la fototessera per il passaporto non è un semplice ritratto, ma è uno scatto identificativo, che pertanto deve rispondere a determinati standard.
Fermo restando che non si può ricorrere al fai-da-te, mi sento di sconsigliare anche di rivolgersi ad un fotografo professionista. La soluzione migliore è fare le foto nelle macchinette che trovate solitamente in stazione e che sono realizzate apposta per scattare fotografie che rispondano agli standard necessari e stampa in vari formati, a seconda del tipo di documento necessario: per il passaporto lo standard si chiama ICAO dalla sigla International Civil Aviation Organisation. Le macchinette di cui sopra stampano foto secondo questo standard.

In linea di massima, in ogni caso, la fototessera deve rispondere a questi parametri:

Non dev’essere né troppo luminosa, né troppo scura; i lineamenti si devono cogliere con precisione, i capelli non possono coprire parti del volto. La fototessera deve comprendere volto, collo e attaccatura delle spalle, mentre la foto del viso troppo ravvicinato non è accettata. Lo sfondo dev’essere neutro, la persona non deve indossare copricapi e, se porta gli occhiali, deve assicurarsi che non facciano riflesso.

Ma soprattutto la posizione del volto dev’essere frontale, il volto non dev’essere inclinato e gli occhi devono essere aperti. Le macchinette consentono di effettuare tre scatti diversi tra cui scegliere: quest’opportunità è importante per verificare se la posizione è quella giusta.

Altri suggerimenti per la fototessera perfetta si reperiscono sul sito della Polizia di Stato.

Scoprirai se la tua fototessera va bene oppure no soltanto al momento della presentazione della documentazione per la domanda del passaporto, in Questura: l’esame dello scanner rivelerà se la foto va bene oppure no. In tal caso non disperare: solitamente in Questura si trova anche una macchinetta per le fototessere: ti basterà risolvere la cosa lì per lì.

Rinnovare il passaporto: paga il bollettino postale

Agli sportelli delle Poste Italiane trovi il bollettino precompilato per il passaporto; vanno soltanto aggiunti i propri dati così come indicato direttamente sul bollettino. La cifra da pagare ammonta a 42,50 € e il pagamento si può fare subito, direttamente allo sportello, dopodiché il bollettino pagato andrà allegato alla documentazione da presentare in Questura.

Rinnovare il passaporto: acquista la marca da bollo

Passaporto mio, quanto mi costi! La marca da bollo richiesta ammonta a 73.50 € e si acquista tranquillamente in tabaccheria. Anche la marca da bollo, chiamata anche contrassegno amministrativo, va allegata alla documentazione da presentare in Questura. Attenzione a non perderla, che è un quadratino piccino!

Rinnovare il passaporto: scarica il modulo online

Sul sito della Polizia di Stato trovi anche il modulo da compilare. Il modulo va stampato e compilato in ogni sua parte, facendo particolare attenzione se il rinnovo è per un adulto o per un minore: in tal caso il modulo è diverso.

Rinnovare il passaporto: prenotare online oppure presentarsi in Questura

Sul sito web https://www.passaportonline.poliziadistato.it/ puoi prenotare direttamente online l’appuntamento per andare a presentare la domanda per il rilascio del passaporto. Personalmente ho provato questo sistema, proprio perché volevo evitare di fare lunghe code in Questura, ma non ho trovato Uffici disponibili in un lasso di tempo decente né vicino a casa, per cui mi sono risolta ad recarmi alla sede della Questura più vicina, consultando gli orari, recandomi con largo anticipo sull’orario di apertura e disponendomi con animo sereno in attesa in coda.

Negli orari di apertura al pubblico, infatti, ci si può recare in questura e presentare la domanda per il passaporto.

In Questura, all’atto della presentazione della domanda e dell’acquisizione dei documenti e delle fototessere verrà richiesto di prendere l’impronta digitale di entrambi gli indici delle mani.

Rilascio del passaporto: i documenti necessari

Ecco i documenti da presentare in Questura sia in caso di rilascio che di rinnovo del passaporto:

  • Documento d’identità valido, più una fotocopia;
  • Bollettino postale pagato;
  • Marca da bollo pagata;
  • Modulo scaricato online compilato in ogni sua parte;
  • 2 Fototessere identiche e che rispondano agli standard previsti (v. sopra).

Se si tratta di rinnovo occorre presentare anche il passaporto vecchio, che verrà reso inutilizzabile con il taglio di un angolo delle prime pagine.

Richiedere il passaporto: non ridurti all’ultimo minuto!

Non aspettare l’ultimo momento per rinnovare il passaporto! Potresti rischiare di non fare in tempo! Oltre al tempo che serve a te per procurarti tutti i documenti – cosa che in effetti si può fare anche nell’arco di un’oretta o poco più – occorre sapere che i tempi procedimentali per il rilascio del passaporto si aggirano intorno ai 15 giorni lavorativi, ma potrebbe volerci più tempo e questo tempo potrebbe essere troppo!

rilascio-del-Passaporto-infografica

Ora che il tuo passaporto è pronto non ti resta che partire! Innanzitutto l’assicurazione di viaggio: hai preso in considerazione la possibilità di stipularla?

Altra cosa importante è la valigia: sai già come farla senza perdere troppo tempo?

Hai trovato utile quest’articolo? Condividilo sui social 😉

13 risposte a "Passaporto for dummies. Come richiedere il passaporto senza farsi prendere dal panico"

Add yours

  1. Per chi come me abita in una città di provincia spesso le cose si complicano, soprattutto spesso i tempi di attesa sono molto lunghi e uno corre il rischio di dover fare su e giù dalla Questura più volte. Per non sbagliare mi sono rivolta sempre a un’amica che ha un’agenzia, e a quel punto ho potuto scegliere di andare alla sede della Polizia locale della mia città per lasciare le impronte digitali, cosa che per me è stata comodissima.
    Mamma mia, le foto! Io sono praticamente irriconoscibile anche perché avendo gli occhiali con la montatura spesso, il fotografo me li ha fatti togliere quindi ho anche gli occhi che sembrano quasi chiusi…

      1. Per assurdo ho avuto più problemi con la carta di identità elettronica perché l’addetta del Comune mi ha contestato il fatto che nella foto avessi i capelli legati mentre di persona li avevo sciolti…

      2. Ehm, ma forse qualche problema lo ha l’addetta del comune 🤔 è vero però che le regole per le fototessere sono piuttosto rigide un po’ dappertutto e per tutti i documenti

  2. Ottimi tutti i tuoi consiglia. Mai ridursi all’ultimo minuto, nella mia città per avere un’appuntamento ci volevano ben tre mesi. Io per il viaggio di luglio sono arrivata al pelo!

  3. Ok, niente panico, ho letto l’articolo e sono andata a controllare la data di scadenza… e non trovo più il passaporto… Bene ma non benissimo 😂

  4. Fortuna che questo disagio si ripete solo ogni dieci anni 🙂 A me risulta che gli occhiali vengano proprio fatti togliere. Una volta per un misero ciuffo sul sopracciglio non mi volevano accettare la foto… poi però, all’italiana, ho insistito e supplicato (era urgente) e me l’hanno accettata lo stesso. Il mio disagio peggiore comunque rimane che, per conformazione, nella mia espressione neutra anche se chiudo la bocca si intravede una puntina di incisivo superiore… e mi fanno sempre rifare la foto 😀 Peccato perché poteva essere un identificativo potentissimo nel caso in cui diventi ricercata!

  5. Utilissimo il tuo post anche se non ho mai avuto bisogno di fare il passaporto perché i miei viaggi finora si sono concentrati solo sulla nostra cara e vecchia Europa. Comunque grazie per la spiegazione molto chiara e dettagliata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: