La Slovenia lungo il fiume Krka: Novo Mesto e Otočec

Ho scoperto una terra meravigliosa: è la campagna slovena adagiata lungo il fiume Krka.

Siamo a 70 km dalla capitale della Slovenia, Lubiana, in direzione di Zagabria. Siamo nella Dolenjska, una regione dell’interno, una campagna verde, ridente anche in autunno, tutta a villaggi piccoli e tranquilli: la chiesina col campanile, poche case, i fienili, le pecore. A vederlo è un luogo di assoluta pace.

slovenia travelpost

Capoluogo di questa regione è la cittadina di Novo Mesto. Adagiata su un’ansa del fiume Krka, vanta una storia piuttosto antica, così come tutta la regione, che è abitata fin dalla Preistoria e che soprattutto nell’età del Ferro vide alcune popolazioni piuttosto fiorenti. Poi arrivarono i Romani, quindi il medioevo delle chiese, dei monaci e dei signori che vivevano in splendidi castelli. Come il castello di Otočec.

Andiamo a vedere nel dettaglio queste due località.

Novo Mesto, la città delle situle

Adagiato su un’ansa del fiume Krka, il centro storico di Novo Mesto non è poi molto grande. La bella piazza del comune, con i portici, è attualmente in rifacimento, per cui è un po’ caotica. Per trovare la pace, però, basta salire verso la bella chiesa di San Niccolò, cattedrale di Novo Mesto solo dal 2006, ma di grande importanza fin dal XV secolo.

novo mesto panorama
Novo Mesto, adagiata su unansa del fiume Krka

La chiesa di San Niccolò

novo mesto
L’interno della chiesa di San Niccolò a Novo Mesto

La chiesa ha un andamento particolare: non si sviluppa in lunghezza lungo un solo asse, ma entrando si nota che l’abside, la parte più antica, nonché cuore dell’edificio, ha un orientamento eccentrico rispetto al resto della chiesa, realizzato in tempi più recenti. Tutto l’edificio viene comunque costruito tra il XV e il XVI secolo, compreso il campanile, che poi nell’800 è stato restaurato in forme neogotiche. Dall’esterno la parte posteriore della chiesa, corrispondente all’abside, è in pietra a vista, mentre la parte davanti, corrispondente alla navata, è intonacata in bianco. Vista da dietro in effetti ha l’aspetto di una chiesa gotica, con gli ampi finestroni a sesto acuto e i contrafforti.

La chiesa si trova nel punto più alto della città, ed era circondata dalle mura che proteggevano la città. Ancora oggi accanto sorgono il palazzo vescovile, un grande granaio e i giardini capitolari che fungevano da orti per i monaci che amministravano la chiesa. All’interno, a decoro dell’altare principale si trova una pala raffigurante San Niccolò, dipinta dal pittore veneziano Tintoretto.

Il Museo archeologico di Novo Mesto – Dolenjski Muzej

Il Dolenjski Muzej è la grande attrazione di Novo Mesto. Un museo decisamente nuovo, realizzato in una serie di edifici a pochi passi dalla chiesa di San Niccolò. Si compone di alcune sezioni differenti, tra cui quella etnografica, dedicata alla civiltà contadina della regione. Ma la sezione più interessante è senz’altro quella archeologica.

Se Novo Mesto è considerata la Città delle Situle (così c’è scritto all’ingresso in città), un motivo c’è: gli scavi archeologici condotti in città e nei dintorni che hanno restituito tantissime testimonianze risalenti all’età del ferro, quando in quest’area vivevano genti che sapevano lavorare il bronzo e i metalli e che importavano materiali anche preziosi, come l’ambra proveniente dal mar Baltico, o vasi dipinti provenienti dalla Grecia, o armi in bronzo provenienti dal centro Europa. Il museo di Novo Mesto offre la possibilità di vedere oggetti meravigliosi appartenenti a quella cultura che viene chiamata Halstattiana e che si diffuse in Europa durante l’età del ferro, tra il X e il IV secolo a.C. (a seconda di dove si sviluppò prima).

Il Museo archeologico di Novo Mesto comunque ripercorre tutta la storia del territorio dalla preistoria fino all’età romana. Si concentra in particolare su alcune classi di materiali davvero notevoli: i gioielli in ambra, per esempio, gli spilloni in bronzo, i grandi vasi anche decorati che contenevano le ceneri dei defunti e poi le armi ripiegate ritualmente, le cinture in bronzo e, naturalmente, le situle.

situle novo mesto
Una delle situle in bronzo del Museo archeologico di Novo Mesto

Ma cosa sono le situle? Sono dei contenitori alti e svasati o cilindrici in bronzo, spesso lavorati a sbalzo per ottenere figure umane o animali. In genere queste figure sono rappresentate come se partecipassero ad una processione, e in genere si dirigono sempre verso una stessa direzione. Alcune rappresentazioni sono piuttosto semplici, altre invece rivelano una grande complessità e fantasia nella realizzazione delle figure. Si tratta di oggetti rituali che venivano deposti nelle tombe principesche maschili insieme alle armi ripiegate, alle fibule, cioè gli spilloni, in bronzo e alle armature, quando presenti.

Per saperne di più sul museo di Novo Mesto puoi approfondire qui: Slovenia protostorica: il Museo archeologico di Novo Mesto

Mangiare e dormire a Novo Mesto e dintorni

Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, Novo Mesto non ha tantissimi ristoranti, o gostilna, come chiamano qui la trattoria. Un ristorante ben quotato, ma non economico, è Don Bobi, già fuori dal centro storico, sull’altro lato del fiume Krka. Noi invece abbiamo mangiato alla Oštarija Rudolfswerth, decisamente fuori dal centro storico: un locale i cui centrotavola richiamano la ceramica protostorica che è esposta in museo! Già questo aspetto mi rende il locale simpatico. Il proprietario parla italiano, piatto interessante è il maiale alle prugne con gli strückli, sorta di grossi cannelloni che possono essere serviti anche come contorno.

cucina slovena
Strückli e altri piatti tipici della cucina slovena – Gostilna Vovko

Per cena, e per dormire, ci siamo fermati alla Gostilna Vovko, in un piccolo paesino nella Dolenjska a pochi km da Novo Mesto in direzione di Otočec. Qui ci siamo trovati benissimo, sia a dormire – il luogo è immerso nel verde della campagna slovena, il proprietario parla bene l’italiano – sia soprattutto a cena: di nuovo gli strückli, poi dei dolci strabuoni, la grappa alle pere e un’ampia selezione di vini sloveni: la Dolenjska è anche una regione vinicola.

dolenjska panorama
Il panorama dalla camera della Gostlina Vovko, nel cuore della Dolenjska

Otočec

Il fiume Krka scorre placido e lento in questa parte della Dolenjska. Sulle sue rive sorge il piccolo villaggio di Otočec, da cui partono alcuni sentieri e percorsi naturalistici alla volta dell’entroterra. Uno di questi percorsi conduce con una passeggiata di 15 minuti circa ad un’isoletta sul fiume sulla quale sorge il Castello di Otočec.

otočec
Il fiumbe Krka presso il castello di Otočec

Siamo immersi in un parco naturalistico e per famiglie, vicino ci sono i campi da golf e il castello stesso è un hotel di lusso con una particolare predilezione per i matrimoni.

Il Castello di Otočec

castle otočec
Il Castello di Otočec

Immerso nel verde, circondato dalla bellezza, soprattutto in autunno, quando le foglie dorate colorano l’atmosfera, si trova il Castello di Otočec.

Il castello ha avuto una vita piuttosto lunga, che inizia nel XIII secolo. Ha un primato, ovvero è l’unico castello sloveno che sorge sull’acqua, e già questo ne fa un monumento unico nel suo genere. Ha avuto diversi nobili proprietari nel corso dei secoli e varie storie. Nel 1942 il Castello viene incendiato, in piena II guerra mondiale, dai partigiani. Lungo il suo percorso, poi, nel 1957 sorse l’Autostrada della Fratellanza, costruita da 54mila giovani nel giro di appena un anno. Un’impresa titanica che è celebrata con una statua all’ingresso del castello. Oggi, dopo un grosso intervento di restauro, il castello ospita una residenza di lusso, ma è visitabile liberamente, sia fuori, lungo il perimetro dell’isoletta, che dentro, nella corte sulla quale affacciano la torre e il corpo principale dell’edificio. Anzi, si tratta di una visita gratuita che è piacevolissimo fare nelle belle giornate di primavera o di autunno.

Nel parco antistante si può fare picnic, prendere il sole, andare in bicicletta, giocare con i bambini. Il luogo ideale per una domenica di relax da passare in famiglia.

castle otocec
Il Castello di Otocec. La corte interna
Annunci

4 risposte a "La Slovenia lungo il fiume Krka: Novo Mesto e Otočec"

Add yours

  1. Non sono mai stata in Slovenia, ma mi attira molto. Probabilmente in primavera andrò al Lago di Bled! Carina questa campagna… non avevo mai sentito parlare di questo luogo!

    1. Bled! Dev’essere bellissimo sul serio, ancora non ci sono stata! Neanch’io avevo mai sentito parlare di questa regione, ma il bello di esplorare è proprio questo: farsi incuriosire e via!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: