USA for dummies: tre cose da sapere prima di partire per gli Stati Uniti

Io voglio prima o poi, ma soprattutto prima, tornare negli Stati Uniti. Sono stata solo a New York, per due volte (ho pubblicato il diario del viaggio proprio su questo blog), ma mi manca tutto il resto! Per esempio, mi ispira tantissimo la città di Chicago! A te no? Io ne sono molto attratta, così a tempo perso mi guardo un po’ intorno per capire come fare per prepararmi al meglio.

usa for dummies

Ora, è da tanto che non compio un viaggio intercontinentale, per cui devo riprendere in mano veramente l’ABC di come si progetta un’impresa di tale portata. Studiando studiando, sono giunta a queste tre cose fondamentali da sapere prima di partire per gli Stati Uniti. Cose veramente basic, proprio for dummies, ma credo sia sempre meglio ripetere le cose più semplici, perché sono quelle che poi rischiamo di perdere di vista.

Dovendo riassumere, ti parlo molto brevemente di passaporto, di ESTA, il visto per entrare negli Stati Uniti, e di assicurazione di viaggio.

Passaporto

Il mio passaporto: dall’Australia al Perù passando per NYC, Dubai, Giordania e Marocco

Beh, il passaporto è necessario in tutti i Paesi fuori dall’Unione Europea. In Gran Bretagna, poi, è caldamente consigliato (anche se non ci sarebbe stretto bisogno): all’arrivo in aeroporto la carta d’identità italiana non piace, anche se in realtà è valida. All’aeroporto di Stansted, se fate caso, è proprio scritto, in italiano, di esibire il passaporto. Curiosi questi British, eh?

A maggior ragione per gli USA il passaporto è necessario, e va fatto per tempo, onde evitare di rimanere a terra mentre il tuo volo parte perché, semplicemente, non hai potuto imbarcarti. Negli Stati Uniti la Carta d’Identità italiana non è valida. O Passaporto o puoi pure ritornartene a casa ad orecchie basse. Il passaporto è il passaporto elettronico, come normalmente ormai viene rilasciato in Italia.

Il passaporto in Italia si richiede in Questura, e la domanda va corredata dal pagamento di un bollettino postale da 42,50 € e da una marca da bollo da 73,50 €. Costicchia, ma dura 10 anni, è un investimento e un invito a sfruttarlo il più possibile 😉

ESTA

Esta è il lasciapassare elettronico. Senza ESTA non si può entrare negli USA. Semplice e inesorabile. Appurata questa dura verità, vediamo come procurarcelo.

L’Electronic System for Travel Authorization è un sistema elettronico online elaborato dal Governo degli Stati Uniti per controllare preventivamente l’identità dei viaggiatori che intendono soggiornare negli USA. È un’autorizzazione che viene concessa a chi viaggia per turismo o per lavoro e che non soggiorna più di tre mesi negli USA. Pertanto, se vuoi entrare negli Stati Uniti devi necessariamente avere l’autorizzazione ESTA. Tutti, e dico tutti, neonati inclusi, devono esserne muniti, anche se si fa semplicemente scalo negli USA diretti altrove. L’ESTA è valido due anni e si richiede davvero in pochi semplici passaggi online dal sito apposito: https://www.evisaonline.com/it/usa/esta.html. Hai tempo fino a 72 ore prima della partenza per richiederlo. Io però non mi ridurrei all’ultimo, fossi in te.

Assicurazione di viaggio

L’assicurazione di viaggio non è obbligatoria, ma è caldamente consigliata. Ne esistono varie, come ad esempio l’Assicurazione di viaggio AIG, la quale nel pacchetto inserisce anche l’importante assicurazione sanitaria USA. Importante perché ti posso assicurare che se all’estero ti senti male, ti rompi una gamba, ti succede qualsiasi cosa che abbia a che fare con la salute, se non hai una copertura sanitaria le cure ti costano l’ira di dio. Gli USA non sono da meno, per cui avere un’assicurazione che ti copre interamente è un investimento sicuro. Spesso pensiamo che l’assicurazione di viaggio serva per precauzione se andiamo in Paesi più “esotici”, diciamo, o meno sicuri secondo i parametri e le comodità occidentali; invece anche una banale storta che ci immobilizza la caviglia a New York può rovinarci il viaggio, sia in termini di tempo che, soprattutto, economici.

usa for dummies

E tu che consigli mi proponi? Di cos’altro devo assolutamente tenere conto quando inizio a progettare un viaggio negli USA?

(Post sponsorizzato)

Annunci

7 thoughts on “USA for dummies: tre cose da sapere prima di partire per gli Stati Uniti

  1. Salve Marina,
    occhio anche al contenuto del passaporto che esibisci; la presenza di visti di certi paesi sgraditi aglu USA (es: Iran) potrebbero impedirti di entrare negli States o, se ti va bene, ti comportano un interrogatorio prima di entrarci.
    Ciao

  2. Sono stata negli Stati Uniti diversi volte e sottoscrivo al 100% i tuoi consigli. Partire senza assicurazione è proprio da evitare perché per un mignolo rotto tocca vendere un rene per pagarsi le spese mediche 😅
    Un consiglio di natura “pratica”: mai partire senza un adattatore per le prese perché una volta in California il mio capo aveva dimenticato l’adattatore e mi è toccato girare come una trottola per la città per trovargliene uno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.