Capo Colonna. Perché visitare uno dei siti archeologici più belli della Calabria

Forse non tutti sanno che la Calabria è una regione ad altissima concentrazione di siti archeologici grandi e importanti. Tutta colpa dei Greci, che tra il VIII e il V secolo partivano dalle loro città d’origine e approdavano sulle coste del Sud Italia per fondare nuove città, colonie in una terra straniera. La Magna Grecia, così è nota l’Italia meridionale: dalla Campania alla Puglia passando per Calabria e Basilicata (anche la Sicilia è interessata da quest’ondata di colonizzazione, ma non viene inserita nella denominazione di Magna Grecia, rimane a sé stante).

perché visitare capo colonna

Tra tutte le città greche della Calabria, Crotone è una delle più importanti, storicamente parlando. Dal punto di vista archeologico, possiamo trovare testimonianze della città greca sia in città, nel Museo Archeologico Nazionale di Crotone, che a Capo Colonna, dove sorgeva il santuario di Hera Lacinia. Qui si trova il Parco Archeologico di Capo Colonna, con annesso Museo archeologico. Ed è proprio di questo parco e del suo museo che vi voglio parlare qui.

Perché visitare Capo Colonna, uno dei siti archeologici più belli della Calabria

Per raggiungere Capo Colonna bisogna lasciarsi alle spalle Crotone e proseguire verso Sud, lungo un promontorio panoramico che regala splendide vedute (e splendide calette, giù in fondo). Il territorio è brullo (ahimè inquinato da rifiuti indegni), arso dal sole, contrassegnato dai bunker della 2° Guerra Mondiale, oggi muti testimoni dell’orrore che fu.

promontorio capo colonna
Il panorama costiero da Capo Colonna

Il Parco Archeologico di Capo Colonna è gratuito.

Si parcheggia l’auto e si prosegue a piedi (ricordate un cappellino, acqua e crema solare, se venite in estate). La prima parte è un sentiero in un giardino mediterraneo popolato da carrubi, oleandri e arbusti di mirto; poi ci si ritrova davanti al muro di cinta del santuario di Hera Lacinia.

Il tempio di Hera Lacinia

Capo Colonna
Capo Colonna. Santuario di Hera Lacinia

La prima cosa che salta agli occhi, notissima, per averla vista tante volte in fotografia, è la colonna che dà il nome a Capo Colonna: unica colonna rimasta in piedi di un grande tempio che contava la bellezza di 48 colonne sul suo perimetro (quella che con termine tecnico si chiama peristasi). Una sola colonna, di 48 che erano, testimonia la grandezza del tempio che fu.

Il tempio, che sorgeva – come oggi del resto – sulla punta del promontorio, dunque in un luogo strategico e simbolico per il controllo del passaggio e dell’arrivo di navi per il commercio o nemiche, era dedicato alla dea Hera Lacinia, da Lacinion, il toponimo che aveva anticamente questo promontorio. Il tempio, in stile dorico, fu eretto nel VI secolo a.C. e si trovava all’interno di un santuario costituito da più edifici, di servizio o funzionali al culto.

Il tempio, o meglio la colonna, è noto da parecchio tempo. Dal Cinquecento in avanti sono molti gli scrittori/viaggiatori che citano il sito nelle loro memorie di viaggio, permettendoci di ricostruire, almeno in parte, il paesaggio nei secoli. Possiamo apprendere, così, che se del tempio si è conservata una sola colonna è perché nel corso dei millenni è stato spoliato del materiale edilizio e architettonico, variamente reimpiegato per la costruzione di case ed edifici nei dintorni. Del resto, il tempio, tegole del tetto comprese, era in marmo: e il marmo, materiale pregiato e da importare, faceva gola ai costruttori locali.

Poco distante dalla colonna del tempio dorico si erge il faro moderno, bianco, bello, da cartolina. Ma la cartolina migliore è senza dubbio offerta dalla colonna che si staglia contro il blu del mare e del cielo.

capo colonna faro
Il faro di Capo Colonna

Dopo i Greci: la città romana, la Torre Nao, la chiesa di S. Maria, il bunker della 2° Guerra Mondiale

Già il santuario di età greca subisce dei rimaneggiamenti e delle mutazioni in età romana: anche chi non è un esperto può riconoscere nel grande muro di cinta, inserite in mezzo ai grandi blocchi originari, delle porzioni di muro dal paramento a rombi: è il cosiddetto opus reticolatum romano, una tecnica muraria in voga a Roma e nell’Impero nei primi due secoli della nostra era. Quando vedete da qualche parte un muro fatto così non potete sbagliare: è assolutamente e incontrovertibilmente un muro romano.

capo colonna santuario hera lacinia
Stratificazioni: un muro romano in opus reticolatum si imposta sul muro greco a blocchi: fai bella figura con i tuoi, facendo notare questo dettaglio 😉

I resti della città romana di Croto

Allontanandosi dal santuario e proseguendo la passeggiata si costeggia un’area recintata, non particolarmente spettacolare: le strutture archeologiche sono conservate ad un’altezza limitata dal suolo, non sono eclatanti a vedersi, né particolarmente fotogeniche, a meno che non amiate il genere. Ci troviamo in presenza di alcuni edifici della città romana di Croto, in particolare le Terme. Ma più avanti, dietro la Torre Nao, si trova il nucleo più cospicuo. Qui infatti è venuta in luce una domus, ovvero una casa privata appartenuta a qualche illustre personaggio crotoniate, oltre ad altri edifici. Dalla parte opposta, sotto la piazza oggi pavimentata e a lato della chiesa di S. Maria, invece sono venuti in luce i resti di un edificio pubblico di rappresentanza, con pavimenti a mosaico che però oggi sono coperti. Per fortuna la pannellistica (insieme ai reperti in museo) viene in nostro soccorso e ci aiuta a comprendere un contesto altrimenti difficilmente leggibile.

capo colonna archeologia
i resti della domus signorile dell’antica Croto alle spalle della Torre Nao e della chiesa di S. Maria

La Torre Nao

Ad un certo punto della sua storia, questo promontorio prende il nome di Capo Nao, dove Nao significa tempio, in greco: tutto torna, dunque. Traccia di questo toponimo rimane nella torre costruita sotto gli Aragonesi, chiamata Torre Nao. Si tratta di una turre (detto in calabrese) del XVIII secolo, posta nel punto migliore del promontorio per controllare chi attraversava lo Jonio diretto verso la costa o più a nord verso Taranto. La torre è un corpo quadrangolare contraffortato nella parte inferiore, al quale si accedeva grazie ad una scala piuttosto alta che immetteva ad un piano rialzato e che era collegata ad essa da un ponte di legno, retraibile in caso di necessità. Le merlature della torre hanno le caditoie aperte per colare pece o olio bollente, o qualunque altro deterrente che potesse frenare gli eventuali assalitori. E no, non doveva essere facile vivere lungo la costa jonica calabrese tra medioevo ed età moderna: la grande torre di Torre Melissa, più a Nord, è un esempio eloquente.

Capo Colonna Torre Nao
Ambientazione da Far West nel mezzogiorno torrido di agosto a Capo Colonna. Torre Nao svetta, accanto a lei la candida chiesetta di Santa Maria

La chiesa di Santa Maria

Piuttosto rimaneggiata in tempi anche recenti, la chiesa di Santa Maria è una pittoresca chiesina bianca che sorge accanto alla torre. Narra la leggenda che nel corso di un assalto di pirati turchi al promontorio, essi provarono a bruciare la tela raffigurante la Madonna che sovrastava l’altare. La tela, miracolosamente ignifuga, però, restò intonsa. La tela della Madonna in questione oggi si trova nella cattedrale di Crotone, ma ogni anno in occasione della festa una processione arriva fin qui, dove la fortuna di questo dipinto ebbe inizio. In chiesa, un dipinto realizzato in anni recenti racconta le circostanze del miracolo.

capo colonna santa maria
Un dipinto recente nella chiesa di Santa Maria racconta con una chiarezza degna degli affreschi medievali il miracolo della tela della Madonna che non prende fuoco tra le fiamme degli infedeli

Il bunker della 2° Guerra Mondiale

Poco distante dalla chiesa e da Torre Nao, sempre lungo il promontorio e all’interno del perimetro del Parco Archeologico, si trova un piccolo bunker della 2° Guerra Mondiale. Una casamatta di cemento armato, a cupoletta, con quattro feritoie sui lati per il posizionamento dei mitra e una piccola porta per consentire ingresso e uscita del soldato di turno, rimane qui a testimonianza di una guerra che fu intensa, soprattutto dopo lo sbarco in Sicilia, ma anche prima, durante l’occupazione della Grecia da parte italiana (se avete visto il film Mediterraneo sapete di cosa parlo). Il litorale crotoniate, e in generale jonico, è cosparso di bunker che stanno lì, sospesi, sopravvissuti sia alla memoria che alla dimenticanza, spesso sconosciuti a chi vi abita vicino, spesso incompresi, soprattutto dalle generazioni successive alla guerra.

capo colonna bunker 2 guerra mondiale
Un bunker della 2° Guerra Mondiale nel Parco archeologico di Capo Colonna

Il museo archeologico nazionale di Capo Colonna

museo capo colonna
Museo di Capo Colonna: la sezione dedicata all’archeologia subacquea

Anche il museo archeologico nazionale di Capo Colonna è gratuito. Un bel museo, nuovo, ben spiegato e ben allestito. E soprattutto è il completamento necessario, ideale e reale della visita al Parco archeologico. Se fin qui infatti abbiamo visto strutture, spazi e soprattutto assenze (cioè tutto ciò che nel tempo è andato distrutto, come gli elevati degli edifici), in museo troviamo gli oggetti della vita quotidiana (soprattutto quelli relativi alla città romana), alcuni arredi architettonici e scultorei del santuario greco, una ricostruzione a video del tempio di Hera Lacinia come doveva essere e come si integrava nel contesto circostante. C’è poi una esaustiva pannellistica che spiega il territorio, lo specifico delle produzioni ceramiche, le sculture, gli arredi, la costruzione e la funzione degli edifici. Tutto ciò che all’esterno, nel Parco, non si trova.

Infine, una bella sezione del museo è dedicata all’archeologia subacquea, ovvero al rinvenimento di relitti di età romana affondati nei pressi di punta Scifo, poco distante. Un relitto in particolare, il Relitto Orsi, dal nome dell’archeologo che lo scoprì, è interessante perché il suo carico era costituito principalmente da elementi architettonici, quali colonne, basi, grandi bacini, e scultorei – tra cui una statua di Amore e Psiche incompleta, perché solo a destinazione avrebbe ricevuto le rifiniture. Un tuffo virtuale sul fondo del mare, e pare proprio di nuotare in un mare senza tempo, in un tempo che ci è stato restituito per poter conoscere qualcosa di più sul nostro passato.

3 risposte a "Capo Colonna. Perché visitare uno dei siti archeologici più belli della Calabria"

Add yours

  1. Marina, mi hai fatto venir nostalgia della Calabria: io ho fatto tutte le mie estati da queste parti fino ai 20 perché i miei parenti sono di qui. E ogni volta che passavo davanti a Capo Colonna ne rimanevo sempre incantata: ho visto le riproduzioni in 3D, questo tempio doveva essere grande ed impressionante.

    Nonostante ciò, non avevo la più pallida idea che ci fossero i bunker della Seconda Guerra Mondiale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: