Dieci piccoli borghi in Toscana tutti da scoprire

La Toscana è ricchissima di borghi piccoli, anche piccolissimi, ognuno con una sua anima, ognuno con un buon motivo per farsi scoprire.

In questo post ne ho individuato dieci.

borghi toscana

Figline (Prato)

Prato – Questa piccolissima frazione di Prato è importante per tre motivi legati alla II Guerra Mondiale:

museo deportazione prato
Una di quelle immagini che restano impresse: un prigioniero dei campi di concentramento, ridotto pelle e ossa e costretto a stare nudo davanti alla macchina fotografica nazista

1) è il paese natale di Curzio Malaparte, pseudonimo di Kurt Erich Suckert, giornalista che, dopo aver fatto da reporter per il fronte fascista fino al 1942, poi passò all’Esercito Cobelligerante Italiano accanto agli Alleati, e che come romanziere ha raccontato la Guerra in Kaputt e la Toscana in Maledetti Toscani;

2) ha subito impotente la tragedia dell’esecuzione capitale dei 29 Martiri: il 6 settembre 1944, giorno in cui Prato fu liberata dai Nazifascisti, i Tedeschi pensarono di lasciare un bel ricordo di sé giustiziando con l’impiccagione 29 giovani partigiani stanati la notte precedente. Un eccidio che Figline, Prato, la Toscana e l’Italia tutta non dimentica. Un monumento molto essenziale nella piazzetta che fu luogo dell’esecuzione ricorda l’evento.

3) il paesino ospita il Museo della Deportazione. Un luogo buio, fatto di immagini, di video, di testimonianze. Un luogo il cui ingresso è gratuito e mi chiedo il perché, un luogo in cui ognuno ascolta con le sue cuffie, isolato dal resto, da solo di fronte al dolore di chi è stato testimone, le terribili condizioni dei campi di sterminio nazisti, da cui in pochi si salvarono e ne portarono un ricordo devastante condividendolo con noi, che non potremo mai capirne fino in fondo l’orrore e l’atrocità.

San Baronto

La vista panoramica da San Baronto, terrazza del Montalbano

Montalbano – In quella bella terra collinare e boscosa che è il Montalbano, che separa l’Empolese dal Pistoiese, sorge il piccolo paese di San Baronto. Luogo prediletto da ciclisti e motociclisti, offre una splendida vista panoramica su tutto il Valdarno inferiore, ed ha una discreta offerta gastronomica per quanti, passando di qui, intendono fermarsi per una sosta. Il Montalbano, tra l’altro, è regione felicemente nota sia per il vino che per l’olio, per cui non mancano i buoni prodotti locali: entrate ad esempio nello spaccio/bar/forno che si trova lungo la via: fatevi preparare una schiacciata prosciutto e pecorino accompagnata da un bicchiere di vino rosso del Montalbano e provate a dirmi che non ho ragione. Il vero fulcro del paese però è il monastero di San Baronto, medievale, intorno al quale poi si è sviluppato il piccolo insediamento moderno.

Cerreto Guidi

cerreto guidi
Cerreto Guidi

Montalbano – Noto per la villa medicea che lo domina, Cerreto Guidi è un borgo medievale che a settembre si anima per il palio del Cerro: una festa in stile medievale, con sfide che sono veri e propri tornei cavallereschi che attirano tanti curiosi e tanto pubblico. Il borgo è in salita, e al suo culmine sorge la villa medicea. Questa fu progettata per essere il casino di caccia dei Medici e in effetti ancora oggi affaccia su un’ampia valle soleggiata. Ma la vera bellezza della villa è l’interno, su due piani, tra sale di rappresentanza e appartamenti privati, tra camere da letto e sale a tema, gli apparati decorativi sono notevoli. Molto suggestivo il balcone con affrescata tutta un’architettura in rovina. La villa ha anche un piccolo ma elegante giardino, un luogo di pace e di ristoro, qualora non bastasse la quieta bellezza delle sue opere d’arte!

Per approfondire: Itinerari d’arte in Toscana: la villa medicea di Cerreto Guidi

Marliana

marliana (PT)
Il piccolo borgo di Marliana

Pistoiese – Ci trasferiamo nella montagna pistoiese, in un borgo davvero piccino, per raggiungere il quale, però, si attraversa un bel paesaggio collinare, fatto di boscaglia e di terrazzamenti, ma anche di orti e di tornanti. Il borghetto di Marliana è davvero minuscolo. Una piazza su cui gravita un hotel abbandonato e il circolo Arci, un bar all’ingresso del paese, un forno e un piccolo spaccio sul camminamento belvedere sono le uniche attività economiche. In cima al paese la chiesa domina la visuale, e lo sguardo spazia sull’ampia valle, nella quale sorgono alcuni piccoli centri abitati che ricadono sotto il comune di Marliana. Di Marliana colpisce la pace e la gentilezza dei suoi abitanti: del ragazzo che si ferma a spiegarci a quale borghetto corrisponde quel campanile lassù in cima, della ragazza dello spaccio che ci fa assaggiare i biscotti tipici (molto simili ai cantuccini di Prato, peraltro). Nei borghi veramente piccoli la gente ti accoglie volentieri. Forse siamo noi alle volte a farci troppi problemi.

Barga

duomo barga
Il Duomo di San Cristoforo, Barga

Garfagnana – Questo splendido borgo in salita ha qualcosa che lo rende unico. Questo qualcosa è senza dubbio il suo spettacolare duomo di San Cristoforo. Romanico, in cima al colle, assolutamente monumentale e scenografico, colpisce per la sua facciata, quadrata, totalmente diversa da come ci aspetteremmo la facciata di una chiesa. Già solo il duomo di Barga merita il viaggio di risalita lungo la strada che porta alla scoperta della Garfagnana. Il panorama che si gode da quassù in effetti è speciale, sui tetti del paese e sulle montagne circostanti. Ma il borgo stesso è una chicca piacevolmente medievale, un luogo bello, davvero, nel quale perdersi tra le viuzze e le piazzettine. Barga fa parte dei Borghi più belli d’Italia, e ne ha ben donde.

A poca distanza, invece, nella vicina Castelvecchio, si trova la casa-museo del poeta Giovanni Pascoli. Viene abbastanza facile allora pensare dove attingesse ispirazione il poeta: dalla pace all’intorno, dall’ambiente campagnolo-pastorale. In un luogo così è facile avere l’ispirazione. Se poi si è Giovanni Pascoli, oltre all’ispirazione si ha il talento e la gloria imperitura di essere studiati sui libri di storia.

Calci

calci
La Certosa di Calci

Pisano – Intorno alla Certosa Monumentale di Calci sorge un piccolo borgo che, per la sua posizione in una valle stretta circondata da boschi, è molto frequentata da ciclisti che praticano la MTB Enduro. Qui ancora si incontrano quei ristoranti, come “Il barrino”, che fa cucina casalinga come la potrebbe fare la mi’ nonna se la fosse toscana e che ci delizia con un antipasto ricco che più ricco non si può. Spendendo ovviamente poco.

Per approfondire: La Certosa monumentale di Calci

Lorenzana

panorama Toscana
La vista sulla vallata sotto Lorenzana

Pisano – Non avrei mai saputo dell’esistenza del borgo di Lorenzana, nel pisano, se non fosse che una mia amica si chiama proprio Lorenzana! Così visitare questo borgo è stata una scoperta gradita. La sua storia risale indietro nel tempo, fino al X secolo, e il suo nome risale al latino Laurentius. Una passeggiata in questo piccolo borgo, e anche qui una sosta di gusto, alla Trattoria dei Vecchi Sapori, per esempio, valgono la pena di aver lasciato la FI-PI-LI, la grande superstrada che collega Firenze, Pisa e Livorno, per venire fin qui.

Montemerano

Montemerano
La piazza del Castello a Montemerano

Maremma interna – Un borgo bellissimo, anche sotto la pioggia. Un incanto di pietra e archi, popolato da bellissimi gatti che sembrano essere i veri abitanti del borgo. Sarà per questo, forse, che nella chiesa di San Giorgio si trova il dipinto noto come Madonna della Gattaiola, un quadro, poi adattato come porta, nel quale un foro circolare in basso consentiva proprio il passaggio dei gatti.

Questo borgo medievale si trova nella Maremma interna, tra Manciano e le terme di Saturnia, lungo una strada in salita coltivata a olivi o lasciata a bosco.  Fa parte dei Borghi più belli d’Italia e, credetemi, lo è davvero.

Manciano

Manciano
Il borgo di Manciano

Maremma interna – Sempre nella Maremma interna, questo borgo è un po’ il capoluogo della strada che da Albinia si inoltra verso Saturnia e le famose terme solforose che zampillano dalla roccia naturale e creano un paesaggio surreale. Il centro storico di Manciano si caratterizza per la sua torre dell’orologio, i vicoli che aprono scorci speciali sul panorama collinare circostante, il cassero. Il Museo di Preistoria e Protostoria della Maremma è invece il luogo in cui risalire alle origini più antiche del territorio.

Stia

Uno dei fotogrammi iniziali de Il Ciclone, girato a Stia

Casentino – Questo borgo è stato reso celebre da quel gran film che è Il Ciclone di Leonardo Pieraccioni: qui infatti sono ambientate le scene di paese. Il centro storico di Stia si sviluppa lungo una lunga e larga via chiusa da una parte e dall’altra da portici: il che è strano per la Toscana, ma non così strano, forse, se consideriamo che siamo in zona montana, dove le precipitazioni sono frequenti e le architetture si avvicinano già ai borghi oltre Appennino. Siamo infatti sull’Appennino Toscoromagnolo, varcato il quale si entra in Emilia Romagna, e siamo appena al di sotto del Monte Falterona, sorgente dell’Arno.

Poco distante da Stia sorge il medievale Castello di Romena, un luogo carico di storia e di storie, tra cui quella del Mastro Adamo che falsificava i fiorini di Firenze per conto dei Conti Guidi, e che fu giustiziato: questa storia è narrata da Dante nella Divina Commedia, Inferno ovviamente, Canto XXX, corrispondente all’VIII girone, quello dei falsari. Visitando il castello e godendo il panorama si capisce perché il territorio del Casentino fosse conteso e al tempo stesso strategico. Il Castello dei Conti Guidi, che nel Medioevo fecero il bello e il cattivo tempo in questa parte di Toscana, è uno dei castelli meglio conservati della regione.

castello di Romena
La vista panoramica dal Castello di Romena, vicino a Stia (AR)

Che v’è garbaho ‘odesto giro pe’ i borghi piccini della Toscana? Icché vorreste vedere ancora? Vussiete d’accordo con ‘odest’elenco o vu vu’mettereste dell’artri borghi? Icché vu dite? Un ‘v’ho detto indo’ mangia’ la ribollita? O venvia nini! O icche vuddite? Che vi devo di’ tutto io? Andatevele a cerca’ voi ‘odeste prelibatezze! Io vi parlo de’ posti belli, pe’ sape’ icché si magna, ciacciate sui fùdblogghe’!

Questa parentesi in toscanaccio becero per dirvi che anche con questo post partecipo all’iniziativa “Raccontami la Toscana” del blog Destinazione Toscana. E per dirvi anche che la Toscana mi manca tantissimo, mi manca tantissimo la sua parlata e sono contenta quando qualcuno mi chiede se sono di Firenze 🙂 

8 risposte a "Dieci piccoli borghi in Toscana tutti da scoprire"

Add yours

  1. A me piacciono moltissimo i borghi e quelli elencati non li conosco tranne Lorenzana e Calci dove sono stata una settimana fa. Che forte l’ultima parte scritta nel dialetto toscano!! Ti immagini un blog scritto tutto così? Sarebbe forte!

    1. eheh, qualcosa in rete c’è senz’altro! Mi diverte cercare di scrivere in vernacolo, ma mi riesce difficile, visto che non sono toscana di nascita. Comunque sono contenta che sia piaciuta!

  2. VI CONSIGLIO IL BORGO MEDIOEVALE DI VICO PANCELLORUM LUCCA TOSCANA. POTETE ANCHE ISCRIVERVI AL GRUPPO SEI DI VICO PANCELLORUM SE LUCCA TUSCANY

Rispondi a sonia Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: