#discoverOstia: alla scoperta di Ostia antica

Come alcuni di voi sanno (perché mi seguono sui social, su twitter, su facebook e su instagram) mi sono recentemente trasferita a Ostia antica per lavoro. Ebbene sì, ho lasciato la mia amata Firenze per venire a lavorare nel Parco Archeologico di Ostia antica, dove finalmente sono chiamata a fare l’archeologa.

Questa premessa era doverosa per dirvi che naturalmente, siccome non so stare con le mani in mano né con i piedi fermi, appena arrivata mi sono messa ad esplorare il territorio. A Ostia antica, infatti, non c’è solo la città romana, ma c’è molto di più. Questo post nasce dunque con l’intento di raccontare anche a voi le scoperte che ho fatto in queste poche settimane che sono qui.

In questo post vi parlo dunque di Ostia antica: la città romana,  il borgo, il castello, gli itinerari naturalistici ecoturistici.

La città romana di Ostia antica

Il mosaico d’ingresso alla Domus dei Pesci

Se Ostia antica si chiama così è perché ricorda nel nome l’antichità del suo insediamento: una città romana conservata benissimo, scavata in lungo e in largo ai primi del Novecento, con rinnovato vigore in epoca fascista, e che ha restituito tutto ciò che una città antica poteva avere: il foro, il teatro, i templi, le terme, le strade basolate, ma anche e soprattutto le case private. E sono queste il vero punto di forza di Ostia. Sì, perché a Ostia si sono conservati tantissimi muri dipinti. Non semplicemente intonacati, ma proprio dipinti, con scene, con figure, con architetture, a seconda della moda del periodo e del desiderio del committente.

Se parliamo di decorazioni, però, non si può non parlare dei mosaici di Ostia. Mosaici a soggetto marino, come quelli delle terme del Nettuno, lungo il Decumano, il primo grande edificio monumentale che si incontra dopo essere entrati nell’area archeologica; mosaici che si trovano in altri edifici della città, nelle case private come negli edifici pubblici, nelle Terme dell’Invidioso, nella domus dei Pesci… Ogni angolo è una sorpresa, nonché uno scorcio paesaggistico notevole: pini e cipressi accompagnano infatti il percorso e costituiscono una quinta teatrale notevole e naturalistica.

Il borgo di Ostia antica

Appena fuori dagli scavi si erge, imponente e rassicurante, il castello di Giulio II. Le sue mura di cinta racchiudono al loro interno poche casette e la chiesa di S.Aurea, in un insieme davvero affascinante, senza tempo. In questo minuscolo borgo, molto pittoresco, regna un senso di pace che lascia al di fuori il traffico della città moderna. Qui si trovano due bei ristorantini e un b&b, se volete vivere a 360° l’esperienza ostiense. E poi c’è la chiesa, la piccola chiesa di S.Aurea, antichissima, sorta in età paleocristiana sul luogo di sepoltura della giovane martire Aurea. La chiesa, nelle sue forme attuali, risale invece al XVI secolo, e fu completata contestualmente al rifacimento del Castello sotto il pontificato di Giulio II. La chiesa era, ed è, cattedrale sede di Diocesi. La diocesi di Ostia, anzi, è sempre stata storicamente la seconda diocesi più importante dopo quella di Roma. Un piccolo edificio dalla storia e dal valore notevoli.

Il castello di Giulio II

Il castello di Giulio II a Ostia antica

Accanto alla chiesa si trova il Castello, di cui ho parlato più approfonditamente in questo post. Anch’esso risale ad epoca piuttosto antica, al IX secolo, e fu costruito per volere di papa Gregorio IV; ricevette poi il suo aspetto definitivo nel Cinquecento, per volere di Giulio II. Entrando nel borgo la mole della torre rotonda impressiona, così come da fuori, percorrendo Viale dei Romagnoli, la sua imponenza si fa notare. Dall’alto della torre, la vista spazia su Ostia antica e si spinge più oltre, fino alle montagne retrostanti. Quando sono salita io c’era tanta foschia, ma mi sono chiesta se nelle giornate particolarmente terse non si riesca a vedere anche il Cupolone! 😀

Esistono delle vedute d’epoca in cui accanto al castello pascolavano pecore. Non è difficile crederlo, perché tuttora le pecore ci sono, un po’ più in giù, in una fattoria lungo via Capo due rami, che da qui si diparte e si inoltra nei campi dei dintorni di Ostia lungo cui corrono gli itinerari ecoturistici.

Gli itinerari naturalistici ecoturistici

Indicazioni per gli itinerari ecoturistici in via Capo Due Rami, Ostia antica

Ostia antica, fuori dal borgo, non è poi così grande: è un agglomerato di case che sorge lungo il Viale dei Romagnoli, la lunga arteria dedicata ai bonificatori, provenienti dalla Romagna, di questo tratto di costa laziale che da Roma arriva fino a Ostia Lido. Un monumento all’ingresso del borgo di Ostia antica li ricorda.

La campagna è subito dietro l’ultima casa del paese, e la si percorre lungo le regolari strade bianche che dividono gli appezzamenti; qua e là, ogni tanto, sorge una fattoria. Si possono fare alcuni percorsi a cavallo o in bicicletta, ma io preferisco andare a piedi. Ho camminato da via Capo Due Rami fino al “Lungotevere”, che è un ulteriore sentiero che porta fino all’argine del grande fiume. Da qui si può scendere fin quasi sulla riva, oppure si può continuare a camminare fino a raggiungere un piccolo edificio abbandonato su cui è scritto “Sollevamento”: evidentemente un vecchio approdo per lo scarico di merci. Da qui ho piegato in giù, in via Monte del Sale e sono ridiscesa fino a rientrare in paese da Via delle Saline. Qui, proprio al limitare del centro abitato, si trova l’oasi archeologico naturalistica delle Saline, all’interno della quale si trovano vecchi moli di età romana e un percorso didattico naturalistico.

Il Tevere e la riva opposta dagli itinerari ecoturistici di Ostia Antica

I nomi delle strade qui parlano di ciò che fu e di ciò che è il territorio: via delle Saline e via Monte del Sale rimandano all’antico impianto di saline che vi era qui nella zona, e di cui oggi non v’è più traccia; via del Collettore Primario e via del Collettore Secondario si riferiscono alla grande opera di bonifica che è stata condotta in queste terre nella prima metà del Novecento, e della conseguente realizzazione di canali per convogliare le acque che rendevano paludosa e malarica la zona.

Osservare il territorio, anche solo passeggiando, è il modo migliore per conoscerne la storia. Il territorio ci parla e si racconta: a noi sta saperlo, e volerlo, ascoltare.

PS: con #discoverOstia su Twitter e su instagram troverete tutti i miei contenuti istantanei e le mie immagini; realizzate con lo spirito di chi si avvicina, scopre piano piano un territorio nuovo e vuole farlo conoscere a tutti.

Annunci

13 risposte a "#discoverOstia: alla scoperta di Ostia antica"

Add yours

  1. Io mi sono sempre chiesta cosa ci fosse da vedere ad Ostia che consideravo semplicemente il posto dove vanno al mare i romani e invece mi hai fatto scoprire un parco archeologico davvero fantastico. Quanto leggo articoli così penso a quanto poco sia valorizzata l’Italia se pensi che Ostia Antica non la conoscevo affatto pur essendo stata a Roma davvero tante volte!

    1. Eheh, mi hanno assunto ad Ostia per questo! Scherzi a parte, credo che il nostro patrimonio archeologico, al di fuori dei soliti percorsi turistici, vada valorizzato e fatto conoscere. Ti posso dire, visto che davvero ci lavoro, che l’intenzione è proprio quella di portare sempre più gente a visitare gli scavi: certo, non è Roma, ma rispetto a Roma ha il vantaggio di essere una città antica molto ben conservata e senza modificazioni successive: così era e così è. Un po’ come Pompei, se vogliamo fare un paragone, ma molto molto meglio 😉

  2. Il tuo è un articolo davvero interessantissimo! Mi hai fatto scoprire una zona di cui sapevo pochissimo ma che varrebbe la pena visitare, grazie 🙂

  3. Mi sono sempre ripromessa di visitare Ostia Antica e poi ho sempre rimandato. chissà che il tuo articolo non sia la spinta giusta per decidermi!

  4. L’ha ribloggato su Pittura1arte2disegno3 Community Artistica Culturalee ha commentato:
    COMMUNITY ARTISTICA CULTURALE”IL NOSTRO IMMENSO PATRIMONIO ARTISTICO CULTURALE* Google+Facebook+Pinterest Italia+Twitter+Linkedin+Tumblr+ Viadeo e qui in WordPress BlogRoll personale ..INVITO in Allegati : *SCAVI DELLA NECRPOLI DI OSTIA ANTICA,IL PIU’ GRANDE SITO ARCHEOLOGICO ITALIANO:SCOPRI LA PORTA DI ROMA. LAZIO* DOMENICA 4 NOVEMBRE 2018 GRAZIE pittrice artistica Susanna Galbarini in *PITTURARTISTICA 36° ANNIVERSARIO*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: