Tour sentimentale del Golfo Dianese – 1) Cervo

“Su una lastra d’oro inciso scrisse il nome di Diano”

Così il poeta imperiese Angiolo Silvio Novaro concludeva una poesia dedicata a Diano Marina e al Golfo Dianese. Una baia piuttosto ampia che accoglie tre comuni, ognuno con una storia diversa, tutti accomunati, oggi, dall’essere mete del turismo di mare dei mesi estivi.

Chi vive o ha vissuto in questi posti non può non amarli. Per cui mi perdonerete se quello che vi propongo è un tour sentimentale: il sentimento è il mio, di amore per il mio golfo natìo.

La baia è racchiusa da due lunghi tratti di costa scoscesa e paesaggisticamente molto bella: a Est Capo Mele, che segna anche il confine tra la provincia di Imperia e quella di Savona, a Ovest Capo Berta, oltre il quale si apre l’ampia baia che accoglie Imperia.

Tre comuni, dicevo, ognuno con la sua storia e le sue caratteristiche. Ognuno con un motivo diverso per farsi amare.

Cervo

Bouganville a Cervo

Un borgo medievale incantato. Un luogo sospeso nel tempo, tra cielo e mare. Cervo ha una storia piuttosto antica, ma soprattutto è il più caratteristico tra i borghi del Ponente Ligure vicini al mare, proprio perché è così vicino al mare. Altri paesi in Liguria (e oltreconfine in Francia) sorgono sulle alture immediatamente retrostanti la linea di costa, eppure Cervo è l’unico dal quale, se ti affacci dalla terrazza/piazzetta della chiesa di San Giovanni dei Corallini, hai la sensazione di poterti tuffare nel mare blu.

Il borgo antico di Cervo si abbarbica alla sua altura, la avvolge piano piano in spire, i piccoli vicoli, i carrugi, che risalgono fino in cima. Palazzi antichi, del Trecento, del Quattrocento, del Cinquecento e del Seicento fanno ombra: apprezzabilissima d’estate, quando nei carrugi passa anche quel filo d’aria che dona ristoro dall’afa.

Uno dei carrugi di Cervo

Detta così sembrerebbe un borgo buio. E invece quando meno te l’aspetti si aprono squarci di luce, su un giardino che guarda sul mare, su buganvillee fiorite che ricoprono i muri di una tenda violacea. Da una porta a est si vedono, oltre la strada, tra i fichi d’india e i pini, gli scogli e il mare. E d’estate, nonostante il traffico, si sente la musica dei tuffi e dei bagnanti che si godono il bagno di sole.

fichi d’india e mare. Non è Sicilia, ma Liguria

“O chiese di Liguria,

come navi disposte ad essere varate”

Così scriveva il poeta Vincenzo Cardarelli in una poesia intitolata, appunto, Liguria. L’ho studiata a memoria alle Elementari e questa frase in particolare mi rimase impressa proprio perché nella mia mente si formava l’immagine della chiesa di San Giovanni dei Corallini. È la chiesa più importante di Cervo, la sua facciata barocca, imponente, caratterizza l’aspetto del borgo da lontano, e il suo campanile alto ne fa un punto di riferimento per chi arriva da lontano. Un’immagine che amo, che aspetto per tutto il tempo del mio viaggio verso casa e che mi gonfia il cuore di amore quando mi si para davanti, è proprio il profilo di Cervo che appare da dietro le colline a me che arrivo in autostrada, poco prima di uscire al casello di San Bartolomeo al mare. Allo stesso modo, mi sale un po’ di malinconia quando, partendo via, mi scompare dalla vista mentre mi allontano, prendendo la direzione di Genova.

colline coltivate a olivi circondano Cervo. Il suo profilo, caratterizzato dai campanili, è inconfondibile

Il campanile di Santa Caternina e il Golfo di Diano

Ma un’altra chiesina, poco distante, che ho scoperto da poco, è un incanto: è l’Oratorio di Santa Caterina. Piccola, nella penombra, ma mantiene al suo interno affreschi antichi che la rendono un inaspettato gioiello. Guardandola da fuori, poi, si nota come fosse più grande in origine, mentre poi fu ridimensionata e una delle sue navate fu trasformata in un carrugio: i segni nella muratura parlano chiaro a chi sa leggerli.

L’altro monumento del borgo accoglie chi varca la sua porta a monte: è il castello, che ospita il museo etnografico. Direte voi: che noia. Forse. Ma non si può comprendere il presente se non si ha una pur minima idea del passato, e quell’idea il museo di Cervo la dà, attraverso gli oggetti quotidiani di generazioni che non sono più. In cima, poi, una terrazza panoramica fa godere a 360° della vista su Cervo e dintorni.

Cervo è una città di artisti e di musica, in particolare. Ogni anno ospita rassegne musicali che ben si calano nell’atmosfera medievale e romantica del borgo. Ospita anche una selezione del Premio Strega e nei suoi vicoli tante botteghe artistiche e artigianali attirano l’attenzione e costituiscono un po’ l’anima ancora viva del paese. Intorno al borgo gli olivi, che non ci fanno dimenticare l’origine agricola, con grandi difficoltà, sulle fasce, di questo territorio collinare, stretto tra il mare e i monti subito dietro.

Uno scorcio del borgo marino di Cervo

Il mare. Basta ridiscendere le vie del borgo, attraversare la via Aurelia, che fa da cesura tra il mondo antico e quello moderno, trovare un varco per arrivare sul mare ed ecco: qui un altro piccolo anfratto, un angolino si cela sotto il ponte della ferrovia, un porticciolo d’altri tempi, dove immagineresti di vedere ancora il pescatore sulla porta di casa che dipana le reti al tramonto, con la pipa in bocca e la pelle cotta dal sole e dalla salsedine. Davanti, invece, sul mare, qualche barchettina, e un paio di stabilimenti balneari che ci riportano al presente. Appena più ad est si trova il molo del Porteghetto. Questo segna il confine orientale del Golfo Dianese. Qui vale la pena di tuffarsi; la chiesa dei Corallini (che poi erano i pescatori di corallo) non ci perde di vista, ci tiene sotto il suo sguardo protettore.

Annunci

5 thoughts on “Tour sentimentale del Golfo Dianese – 1) Cervo

  1. Uno dei borghi più belli dell’imperiese, impreziosito dal mar Ligure.
    Purtroppo non ci sono mai stato, dico così perchè ho visto foto da favola e letto articoli, come il tuo, che ne parlano benissimo.
    È da mó che vorrei scoprirla, insieme agli altri deliziosi paesini tipo Apricale, Bussana Vecchia e Dolceacqua.

    • E allora non ti resta che fare una gita da queste parti! Sono borghi giustamente noti per la loro bellezza, e non lo dico per campanilismo, ma perché è oggettivamente vero! Ognuno ha la sua peculiarità, ciò che lo rende davvero unico, ed è fantastico scoprirlo passo dopo passo.

  2. Pingback: Tour sentimentale del Golfo Dianese – 2) San Bartolomeo al Mare | Maraina in viaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...