Provenza: 3 itinerari per l’estate

La Provenza è una regione ricchissima e variegatissima. Decidere di andare alla sua scoperta vuol dire addentrarsi in tanti paesaggi diversissimi. Dal mare alla montagna, dalla natura alla cultura ecco tre itinerari assolutamente estivi in Provenza:

Camargue

Cavalli bianchi che galoppano sulla spiaggia al tramonto, tori neri come il carbone che pascolano in lande brulle e paludose; un paesino colorato che si adagia al sole lungo il mare; i fenicotteri rosa come le saline lungo la costa. La Camargue è colore, è un’opera d’arte, è una regione dove la natura e l’uomo convivono senza darsi noia, nel rispetto e nella pigrizia reciproci.

Saintes-Maries-de-La-Mer è il capoluogo: un villaggio di pescatori con una chiesina, una piazzetta centrale con i negozietti e le bancarelle e tanti ristorantini dove gustare il coquillage (piattate e piattate di frutti di mare) della laguna o la carne di toro, il tutto annaffiato dall’elegante rosé dei vins de sables, prodotti nelle vigne tra Saintes-Maries-de-la-Mer e Aigues Mortes.

Assolutamente da non perdere, se vi piace la natura, è il Parc Ornithologique du Pont de Gau, un’oasi naturalistica nella quale trovano casa i fenicotteri rosa, altre specie di uccelli palustri e addirittura le cicogne, che è così raro incontrare al giorno d’oggi! Naturalmente riuscite a vedere i fenicotteri, così come i cavalli allo stato brado e i tori sonnacchiosi anche negli acquitrini e nei campi lungo la strada. Potete fermarvi e ammirarli in tutta la loro sublime bellezza: nessuno vi farà andar via.

Se siete attratti dalla vita degli uomini, sappiate che intorno al 14 luglio ogni anno Saintes Maries de la Mer ospita la Feria du cheval: una festa di origine gitana che rende il cavallo assoluto protagonista tra sfilate, spettacoli e manifestazioni varie. Segnatela in agenda, perché vale il viaggio.

Se volete un’idea per un itinerario di 4 giorni in Camargue potete prendere spunto da questo percorso: Sotto il sole della Camargue

cavalli bianchi pascolano allo stato brado in Camargue

Lavanda

Il colore è il lilla, il suono è il ronzio fortissimo delle api, il profumo è quello inconfondibile della lavanda. La prima metà di luglio in Provenza è il periodo della fioritura della lavanda. Essa è coltivata, in campi e campi a perdita d’occhio, in una zona dell’Alta Provenza, compresa tra Manosque, Valensole, Gordes e Sénanque. Ad ogni curva della strada, in questo paesaggio dolcissimo, trovate di che meravigliarvi e stupirvi. I campi sono aperti, se volete calarvi proprio in mezzo ai filari potete farlo tranquillamente. Paura delle api? No, tranquilli: fanno il loro lavoro, non si curano di nessun’altra cosa.

Valensole è una delle mete fondamentali e d’impatto, con le sue distese tutte lilla. Ma la meta finale del percorso non è da meno: è l’Abbazia di Sénanque, in una piccola valle chiusa tra le montagne poco oltre il village perché di Gordes. Questo è uno dei luoghi più fotografati di Francia: un grandissimo campo lilla di lavanda è chiuso, sullo sfondo, dall’architettura medievale dell’abbazia. Da lasciare a bocca aperta. E, di nuovo, vale la pena di essere arrivati fin qui.

Plateau du Claparèdes, Provenza
Un campo di lavanda lungo il Plateau du Claparèdes

Se poi oltre al lilla vi piace il rosso, Roussillon, il villaggio dell’ocra, è ciò che fa per voi: un paese in case rosse per l’ocra del terreno e un percorso naturalistico nel bosco dove la terra è rossa in un modo indescrivibile: c’è poco da fare: dovete venire fino qui per rendervi conto.

Se volete un’idea per un itinerario di due giorni sulla scia della lavanda potete prendere spunto qui: un sabato coloratissimo in Provenza ; una domenica coloratissima in Provenza.

Sénanque
L’abbazia di Sénanque, immersa nella lavanda

Mare e Croisette

Chi non conosce Cannes? Il suo Festival del cinema attira ogni anno i più grandi attori di Hollywood, confermandosi l’evento mondano/cinematografico più importante al mondo dopo la Notte degli Oscar. La sua passeggiata a mare, La Croisette, se da un lato ci mostra ampie spiagge libere, dove ognuno può scendere a fare il bagno, dall’altra parte ci abbaglia gli occhi con i grandissimi hotel di lusso che tanto hanno ispirato negli anni la fantasia di registi, di cantanti e anche, la nostra, perché no. Chi non vorrebbe un vodka martini in camera, affacciato al terrazzo vista mare della sua camera d’hotel mentre scende la sera?

isole Lérins
Isole di Lérins, una delle calette e, sullo sfondo, la costa francese

Non tutti sanno, però, che a poca distanza da Cannes, raggiungibili velocemente in battello, si trovano le Isole di Lérins. Si tratta di due isole, percorribili a piedi in pochissimo tempo, una delle quali ha ospitato una fortezza militare e l’altra un monastero medievale. Le isole sono note per le loro calette e le loro spiaggette e infatti sono in molti che vi si recano per una gita di un giorno comprensiva di passeggiata nella natura con possibilità di pic-nic (in alternativa c’è anche un ristorantino), di passeggiata culturale nel forte o nell’abbazia, e naturalmente di tuffo nel mare cristallino di queste parti.

La Provenza è ricchissima di meravigliose spiagge e calette. Ma le Isole di Lérins sono intime, isolate, permettono davvero di rilassarsi al bel sole del Sud della Francia.

Annunci

5 risposte a "Provenza: 3 itinerari per l’estate"

Add yours

  1. Ho lasciato il cuore in Provenza due anni fa, durante un bellissimo viaggio on the road! La Camargue mi ha stregata: non mi aspettavo un territorio così selvaggio e sferzato incessantemente dal vento, l’unico rimpianto è che ci siamo stati in inverno e i paesini sul mare erano deserti, ma non per questo meno affascinanti..

    1. Io sono una grande sostenitrice del mare d’inverno. Certo se trovi anche il brutto tempo diventa drammatico. Ma credimi, se non c’era vita in quei paesini, vuol dire che ne hai colto l’anima più vera, perché d’estate tutto si trasforma, con i turisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: