#bestnine2016: le mie foto di instagram che vi sono piaciute di più 

Come l’anno scorso , anche quest’anno a fine anno arriva la classifica di instagram. Con #bestnine2016 ognuno di noi può visualizzare le foto che hanno avuto più successo su instagram: le più belle? Forse; sicuramente le più cliccate, quelle con gli ashtag più riusciti, quelle più repostate da altri utenti di instagram e condivise su altri social.

La mia #bestnine2016: nelle prime due posizioni due foto di #fallfoliage, a Firenze e a Cingoli (AN); segue la festa dell'uva alliImpruneta; il mare di Cetraro (CS); uno sguardo al bosco sulla Calvana (PO), Firenze dall'alto della Torre di Arnolfo; un panorama catturato durante un viaggio in treno; Paestum al tramonto; Ponte Vecchio durante °flightFirenze

La mia #bestnine2016: nelle prime due posizioni due foto di #fallfoliage, a Firenze e a Cingoli (AN); segue la festa dell’uva alliImpruneta; il mare di Cetraro (CS); uno sguardo al bosco sulla Calvana (PO), Firenze dall’alto della Torre di Arnolfo; un panorama catturato durante un viaggio in treno; Paestum al tramonto; Ponte Vecchio durante #flightFirenze

Lo premetto, su instagram non faccio grandi numeri. Però, e mi sembra un buon segno, bene o male mantengo una media equilibrata dei ❤ che ricevo per ciascuna foto. Proprio per questo motivo, analizzando le foto vincitrici nel mio #bestnine2016, risulta interessante vedere che esse si collocano tutte nella seconda metà dell’anno: da quest’estate in vacanza in Calabria fino a pochi giorni fa.

Un altro aspetto non secondario è l’uso efficace di ashtag. È interessante notare come risultino vincenti le foto legate a determinati ashtag ricorrenti (#panorama e #nature nel mio caso sono i più ricorrenti, ma credo che #fallfoliage abbia la sua bella dose di responsabilità, a giudicare dalle prime due classificate). Anche Firenze è presente, ma a giudicare dall’apprezzamento degli instagramers, le foto che hanno avuto più successo sono quelle che ritraggono panorami calati nella natura.

Tra tutte le foto, ad alcune sono affezionata e mi piacciono particolarmente: la foto fatta dall’alto della Torre di Arnolfo a Firenze, con l’ombra stessa della torre che si allunga sui tetti sottostanti, per me è un capolavoro: non è che mi autoelogio, ma quella foto l’ho fatta con una fotocamera vera, mirrorless della Canon, e la differenza con le foto da smartphone di vede. Un’altra foto che ho scattato in quell’occasione (un instameet organizzato con Canon Italia alla scoperta di Palazzo Vecchio a Firenze) però, mi piace ancora di più, ma non è entrata nella bestnine: è una visione dall’alto, molto dall’alto, del David di Michelangelo posto in piazza della Signoria:

E ancora, tra le altre foto che mi piacciono tanto di questo mio 2016 ce n’è una, scattata al Louvre a Parigi nella sala che tutti frequentano per la Gioconda, ma nella quale è anche esposta la gigantesca tela de Le nozze di Caana del Veronese: nella foto le teste dei turisti di ogni parte del mondo si fondono con i tanti parsonaggi che animano il dipinto; l’effetto illusionistico mi sembra particolarmente riuscito (e soprattutto ho trovato interessanti le facce della gente che mi guardava fare una foto dando le spalle alla Gioconda 🙂 )

Tra le foto a mio parere più impressionanti c’è quella che ho scattato nel mercato del pesce di Cadice, in Spagna: qui un’enorme testa di tonno sul banco del pescivendolo fa pensare più alla balena di Pinocchio che non ad un normale pesce dei nostri mari. Racconta una storia, una storia che è economia, vita dei mari, rapporto dell’uomo col mare, mercato tradizionale. C’è tanta umanità in questo scatto, anche se il soggetto principale è un povero pesce.

Rispetto al mio #bestnine2015 la mia tendenza in termini di visualizzazioni e  ❤ è andata migliorando nel corso del 2016, con un trend sempre crescente di cui sono contenta anche se, certo, devo puntare a fare sempre meglio. Su instagram pubblico fotografie sempre più selezionate, sulle quali medito parecchio: quale istante voglio raccontare? In genere tendo a scegliere un dettaglio che racchiuda in sé tutto un potenziale narrativo: immagino cioè che instagram sia un album di fotografie che qualcuno sta guardando, in modo che se quel qualcuno mi chiede “e questo cos’è?” inizio un racconto.

Da quando instagram ha inserito le instagramstories, poi, è diventato ancora più importante selezionare l’immagine da mantenere per sempre, mentre con le stories quotidiane posso giocare a inserire tutto il resto della narrazione. Con le instagramstories posso costruire veri percorsi logici e narrativi assolutamente personali (senza necessariamente farlo diventare un doppione di snapchat come vedo che fanno molti) e per questo tanto più comunicativi. Instagramstories mi piace, e mi sta bene che il suo contenuto vada perduto dopo 24 ore. Perché se voglio mantenere qualcosa degli scatti che faccio, scelgo la timeline di instagram, senza dubbio.

Guardando il mio stile, prediligo paesaggi e dettagli: dall’infinitamente grande all’infinitamente piccolo, dall’orizzonte sul mare alla lumachina che si arrampica su una foglia. Non ritraggo mai persone da vicino, né tantomeno ritraggo me stessa. Fotografo il mio mondo. Il mondo di Maraina81. Il mondo di Maraina in viaggio.

Se ti è piaciuto quest’articolo e ti sono piaciute le mie foto seguimi su instagram: sono @maraina81

Annunci

One thought on “#bestnine2016: le mie foto di instagram che vi sono piaciute di più 

  1. Pingback: 2016, 2017, Maraina in viaggio e Liebster Award | Maraina in viaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...