I colori dell’Altopiano di Castelluccio

Castelluccio di Norcia è nota per due motivi: le lenticchie e i colori dei campi di lenticchie coltivate a Piangrande.

Per le lenticchie qui la gente ci viene tutto l’anno, in particolare verso fine dicembre a fare scorta per il cenone di Capodanno 😉 , mentre per i fiori deve correre qui a giugno.

Romantica immagine del borgo di Castelluccio di Norcia
Romantica immagine del borgo di Castelluccio di Norcia

I colori della fioritura di Castelluccio di Norcia

Se si cerca su Google, le immagini di Castelluccio in questo periodo sono roba da togliere il fiato: il rosso, il giallo, il viola dei fiori creano geometrie di colori meravigliose.

Il giallo è dato dai fiori delle lenticchie, il rosso e il viola dalle infestanti (in particolare il rosso è il papavero) che spuntano nei campi di lenticchie sovrapponendosi alla fioritura. Se le foto mostrano una tavolozza accesissima di colori, la realtà è un po’ diversa, nel senso che (ci spiegavano all’Agriturismo Fonte Antica, dove abbiamo stabilito la nostra base, poco fuori Norcia) non è detto che la fioritura delle lenticchie e delle infestanti avvenga in contemporanea e certo molte delle foto che si trovano pubblicate in giro sono variamente ritoccate. Questo tanto per avvertire che non è così scontato trovare le fioriture coloratissime che in molti promettono.

Castelluccio fioritura 2014

Trattandosi di un fenomeno naturale, tra l’altro, va soggetto ai capricci della natura e del tempo: così, pur se il periodo della fioritura è giugno, non si può sapere con certezza quali saranno le giornate giuste per cogliere tutti i colori nel loro splendore. Noi per esempio abbiamo trovato solo il giallo del fiore delle lenticchie. Ma la gioia per gli occhi è stata grande ugualmente.

Piangrande è davvero una piana che si dilunga a perdita d’occhio. Lo domina il Monte Vettore, sulle cui cime non si sono ancora sciolte le ultime nevi: siamo nel cuore dei monti Sibillini, area di percorsi naturalistici e archeologici, come quello che porta sulle tracce dell’antro della Sibilla (segnalatomi da Anna del blog Dallo scarpone alle ciaspole). Noi non abbiamo affrontato alcun percorso. Semplicemente ci siamo persi a guardare il paesaggio. Dapprima nel bel mezzo della piana, dove sono allevati i cavalli: e infatti queste lande così aperte si prestano, anche nell’immaginazione, all’allevamento dei cavalli, come se fossimo in una qualche grande prateria…

206
Io e i cavalli della Piana di Castelluccio. Amore a prima vista.

Castelluccio di Norcia: il borgo

Poi ci siamo spostati verso Castelluccio. Immediatamente ai piedi del rilievo sul cui cucuzzolo si aggrappa il paesino, i campi di lenticchie in fiore offrono uno spettacolo che si accende sotto i raggi del sole del tardo pomeriggio. Qualche nuvola gioca a illuminare e a nascondere Castelluccio e ad accendere e spegnere i campi gialli. Sarà che il giallo è il mio colore preferito, ma questo è davvero un luogo di grande bellezza.

La fioritura delle lenticchie a Piangrande, alle falde del Monte Vettore
La fioritura delle lenticchie a Piangrande, alle falde del Monte Vettore

Dal borgo di Castelluccio si dipartono altri percorsi che, salendo sulle montagne, permettono di apprezzare dall’alto i colori dell’altopiano. Da qui, si può anche decidere di immortalare Castelluccio illuminata dal sole. Giocando a fare Steve McCurry

Castelluccio di Norcia, Pian Grande
Castelluccio di Norcia, Pian Grande, by Steve McCurry

Castelluccio di Norcia dopo il terremoto del 2016

202
Il borgo di Castelluccio di Norcia prima del terremoto del 2016

Il 24 agosto del 2016 il potentissimo e terribile terremoto che colpì Amatrice e Norcia ha fatto danni anche a Castelluccio: il campanile della chiesa del borgo è infatti crollato cambiando il paesaggio e l’aspetto di questo paese così piccolo e romantico.

Le foto di questo post risalgono al 2014, quindi documentano la situazione precedente al terribile evento. Il turismo nella Piana di Castelluccio si è pian piano ripreso anzi, ritengo che sia importante andare nei luoghi colpiti dal terremoto (non solo Castelluccio, ma anche Norcia e Amatrice) per far rinascere l’economia partendo proprio dall’accoglienza. Questo sì che sarebbe turismo sostenibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: