Sul tetto di New York…

La mia amica Fancyhollow sta per partire per New York! Beata lei! Alla mia domanda “Che cosa farete?” Lei mi ha risposto “Beh, io voglio assolutamente salire in cima a un grattacielo per vedere il panorama!” Giusto, sacrosanto! Ma dove salire? Quale grattacielo scegliere per avere la vista migliore sulla città? E in che condizioni?

Due sono le opzioni principali: l’Empire State Building e il Top of the Rock (Rockfeller Center). Entrambi possono realizzare il desiderio di spaziare con lo sguardo a 360° sulla città dei grattacieli, su tutta Manhattan, ognuno con le sue caratteristiche.

L’Empire State Building, il più alto grattacielo di New York, una vera e propria icona della città (soprattutto da quando nel 2001 sono crollate le Torri Gemelle) consente di vedere lo skyline della città dall’86° piano, oppure, più in alto, dal 102° piano. Si trova lungo la Fifth Avenue, tra la 33° e la 34° Strada. Per accedervi, il biglietto costa 23 $, a meno che non si possieda la New York City Pass, la card che consente l’accesso ai principali musei e attrazioni della città. Se possedete il City Pass, tra l’altro, la coda per voi scorre meglio e non vi impantanerete troppo a lungo in attesa del vostro turno all’ascensore (soprattutto se il vostro sogno è inseguire il tramonto dall’alto del grattacielo…). L’Empire State Bulding, vera attrazione newyorkese, è aperto tutti i giorni dell’anno, dalle 8 del mattino alle 2 di notte. Naturalmente sono previsti controlli di sicurezza per accedere all’edificio, ma tutto si svolge con ordine e disciplina. E quando si è in cima… beh, la vista è quella che avete sempre sognato: una selva di grattacieli che si stende a perdita d’occhio: inconfondibile il Chrysler Building, il grattacielo accanto alla Grand Central Station che per qualche mese, nel 1931, quando fu costruito, fu il grattacielo più alto della città (dopodiché fu proprio l’Empire a soffiargli il primato); ben lontano si identifica il grande polmone di Central Park, mentre, guardando verso il fiume Hudson si può provare a indovinare il nome dei ponti e più in là, oltre Lower Manhattan, provare a identificare la Statua della Libertà…

Empire State Building

Ritornati con i piedi per terra, sulla Fifth Avenue, appena usciti dal grattacielo, se avete fame potete fermarvi alla Earthland Brewery, birreria molto valida e brasserie.

Il Top of the Rock è il punto di osservazione del GE Building, il grattacielo del Rockfeller Center, che domina dalla sua altezza la Rockfeller Plaza. Si può vedere il panorama sulla città dal 67° e 69° piano, attraverso vetrate panoramiche, mentre il 70° piano è open air e consente alla vista di spaziare a 360° sull’intera città e di soffermarsi soprattutto a contemplare dall’alto Central Park, che da qui non dista molto. Naturalmente questo è anche il luogo ottimale per vedere l’Empire State Building, che altrimenti siete costretti a vedere sempre e solo dal basso. L’entrata principale è sulla 50° Strada, tra la 5th e la 6th Avenues. Il Top of the Rock è aperto tutti i giorni dalle 8 del mattino a mezzanotte. Nonostante sia anch’esso un’attrazione turistica, c’è meno coda per salire; anch’esso fa parte del circuito New York City Pass e il biglietto costa 25 $. Per completare la propria visita ci si può affidare ad un’app apposita sia per I-phone che per Android. Così la vista sarà a 360°, e anche qualcosa in più.

La vista sul Chrysler Building dall’Empire State Building

I due punti panoramici per eccellenza di Manhattan sono anche due attrazioni importanti nel centro della città, entrambe lungo quella grande arteria che è la Fifth Avenue. L’Empire State Building, il grattacielo simbolo della città dall’alto dei suoi 381m, e il GE Building, a capo di un complesso di edifici unico nel suo genere, entrambi costruiti all’indomani della crisi del 1929, furono la risposta architettonica e concreta del rilancio americano dopo la crisi economica. Entrambi edifici realizzati in Art Déco, sono tra i protagonisti della storia newyorkese del secondo Novecento. L’Empire, in particolare, che ha sempre dovuto “lottare” per mantenere il suo primato come grattacielo più alto della città (lo fu dal 1931 al 1973, quando le Torri Gemelle lo superarono, quindi ritornò ad esserlo ahimè nel 2001 e solo oggi ha perso nuovamente il primato, con l’avvento della Freedom Tower), è davvero impressionante, la sua silhouette lo rende riconoscibile da qualsiasi punto in tutta la città.

L'Empire State Building è perfettamente visibile anche dal Ponte di Brooklyn

L’Empire State Building è perfettamente visibile anche dal Ponte di Brooklyn

Comunque sia, che si tratti dell’Empire o del Top of the Rock si casca, anzi si sale, sempre bene!

Annunci

4 thoughts on “Sul tetto di New York…

  1. …è brava la mia cuginetta, leggendo mi hai fatto ritornare in mente quando ho vissuto a Jersey City e, la mattina, andando a lavoro nel West New York, dal bus vedevo l’alba che si faceva strada sullo skyline di Manhattan. Grazie per i bei ricordi, brava! ciao.
    Roberto

  2. Pingback: E guardo il mondo da quassù: le più belle viste panoramiche del mondo | Maraina in viaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...