Australia: 10 imperdibili esperienze “into the wild” – 1° parte

L’Australia è il continente della natura all’ennesima potenza: una terra per la gran parte disabitata e inospitale, ma sublime e bellissima, che regala emozioni fortissime in chi la attraversa e la esplora per la prima volta. Dunque, sulla base del nostro viaggio, ecco selezionate per voi le 10 esperienze nella natura da non perdere quando andrete in Australia:

1) Andare a cercare i koala nell’Oatway National Park: è una grande grandissima emozione, soprattutto se è la prima volta che vedete un koala dal vivo nel suo ambiente naturale. L’Oatway National Park è quel grande parco nazionale attraversato dalla Great Ocean Road. Il punto in cui vedere i koala è lungo la deviazione dalla Great Ocean Road che porta verso l’Oatway Lighthouse, un grande faro posto a guardia del promontorio (raggiungibile con un sentiero a piedi in prossimità della costa). La deviazione dalla Great Ocean Road attraversa una foresta di eucalipti: dapprima sono alti, troppo alti, ma nella seconda parte sono più bassi, ed è qui che vivono i koala. Guidate lentamente, col naso rivolto all’insù: ne vedrete uno, accosterete la macchina, scenderete, lo seguirete con lo sguardo e ne scoverete un altro poco più in là, e poi un altro e un altro ancora, magari anche una mammina col cucciolino… esperienza di quelle che non si dimenticano: come dire, il primo koala non si scorda mai!

2) Camminare sospesi lungo il TreeTop Walk: se vedere i koala è un’attrazione gratuita, il TreeTop Walk al contrario si paga profumatamente. È un percorso sopraelevato a 20-25 m da terra che consente di vedere da vicino i vari livelli della foresta di eucalipti, che qui sono chiamati Mountains Ash, e considerati Forest Skyscrapers, i grattacieli della foresta. La passeggiata sulla passerella è un’immersione a 360° nella vegetazione lussureggiante di questa parte di Australia, dove accanto agli eucalipti alti fino a 50 m crescono, più in basso delle immense felci che sembrano palme da tanto son grandi. La foresta poi è abitata da uccelli e pappagallini di ogni sorta, e può capitare di vederli, sul ramo alto di qualche albero, mentre si godono la loro giornata beatamente.

3) Avvicinarsi ai leoni marini a Kangaroo Island: avvicinarsi a una decina di m è quello che si può fare a Seal Bay, Kangaroo Island, se si è opportunamente accompagnati da guide certificate. L’impressione di essere catapultati in un documentario è fortissima: tra l’odore forte di pesce e di alghe e loro, i leoni marini, assorti nelle loro occupazioni quotidiane, tutto è uno spettacolo: vedrete la foca con il figlioletto, la foca che rientra dalla pesca, il maschio dominante che si trascina stancamente sulla riva per poi stonfarsi sulla sabbia dopo neanche un paio di metri, vedrete persino due leoni marina che si litigano nel mezzo del branco per stabilire la propria autorità o qualcosa del genere. L’emozione sarà grande e garantita! Ma in alcun modo, non dovrete interagire con loro: è fondamentale rispettare il loro habitat e la loro intimità, per preservare nel lungo periodo la sopravvivenza della colonia.

leoni marini kangaroo island

la colonia di leoni marini a Seal Bay, Kangaroo Island

4) Passeggiare intorno a Uluru: dalla distanza di 5000 km dall’Antartide passiamo al centro del centro del centro del deserto australiano. Ayers Rock, Uluru nella lingua aborigena, è il grande monolito di cui nessuno, eccetto i miti del Tempo del Sogno, sa spiegare l’origine. Percorrerne la base vuol dire entrare in contatto con quei miti, con quella terra, con un territorio che è deserto di spinnifex e di alberelli rinsecchiti, rosso e caldo. La roccia ha un colore che definire rosso è esagerato e arancio è riduttivo, una meraviglia per gli occhi.

5) Esplorare Kings Canyon: una camminata impegnativa, almeno nel primo tratto in salita, della durata di 2 o 3 ore, a seconda della vostra resistenza e di quante foto vi fermerete a fare lungo il cammino. Il percorso, ben segnalato, si inerpica sulla cima dei canyon, passa da una parte all’altro di esso regalando scorci e panorami mozzafiato, sculture di roccia che farebbero invidia ad un artista contemporaneo, sprazzi di lussureggiante vegetazione proprio qui in mezzo, in pieno deserto, intorno all’unica fonte di acqua della regione…

kings canyon

Natura selvaggia a Kings Canyon

Cliccate qui per leggere le altre 5 wild experiences in Australia

Annunci

One thought on “Australia: 10 imperdibili esperienze “into the wild” – 1° parte

  1. Pingback: Australia: 10 imperdibili esperienze “into the wild” – 2° parte « Viaggimarilore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...