PUGLIA MORDI E FUGGI! 3 – Il ritorno

09/08/09 – Il ritorno

Ultimo trulli-tour prima della partenza. Oggi visitiamo con più attenzione la zona monumentale/residenziale, quella più autentica a mio modesto e inesperto parere. Qui più che altrove si possono cogliere degli scorci davvero suggestivi. La forma del trullo già di per sé, così tondeggiante e col tetto a punta, sembra uscire dal mondo delle favole. La sensazione è quella di trovarsi nel paese delle fate, in un mondo magico tutto bianco e in pietra, e ci si aspetta da un momento all’altro che dalle porte escano dei folletti. Dopo questa parentesi fiabesca lasciamo Alberobello e ci avviamo lungo la via del ritorno.

trulli

Abbiamo aggiunto in corsa un’altra tappa al nostro week-end: è una leggera deviazione lungo la via, ed è il famosissimo Castel del Monte, nell’entroterra di Andria. Chi non conosce Castel del Monte prenda la moneta da 1 centesimo di Euro: Questo monumento è infatti uno dei castelli più rappresentativi d’Italia, ed è Patrimonio dell’Umanità UNESCO, degno rappresentante dell’Italia in Europa e nel mondo. Fu costruito nel 1250 da Federico Barbarossa ed è famoso per la sua particolare pianta: è un ottagono, all’interno del quale si apre una corte ottagonale, e su ogni angolo del quale si ergono altrettante torrette ottagonali. Fior di studiosi si interroga sul perché del numero 8 che ricorre così tanto, così ossessivamente in questo palazzo che è unico al mondo. Il perché è ancora senza risposta. Il palazzo è spoglio, ma nonostante ciò le pareti sono fortemente dinamiche: merito delle volte, dell’uso di differenti pietre colorate impiegate nelle murature, negli stipiti delle porte, nelle arcate delle finestre…Il palazzo è su due piani, al piano inferiore è temporaneamente allestita una mostra, “Castelli sul Mare”: quale migliore cornice per parlare di castelli italiani se non il re dei castelli d’Italia?

Castel del Monte si trova sulla cima di un monte dal quale si domina il panorama sottostante. La sua struttura imponente si vede da km di distanza lungo la via che porta ad esso. Giunti al suo cospetto, il castello ci impressiona per la sua possanza, il giallo della sua pietra si staglia contro l’azzurro del cielo: da 1800 anni sfida le intemperie e resiste immutato nella sua poderosa architettura. Tutto passa, gli uomini passano, Federico II che l’ha voluto addirittura muore prima di vederlo compiuto, ma Castel del Monte resiste eterno e immutabile, e oggi adeguatamente tutelato dal MIBAC e dall’UNESCO.

castel del monte

Riprendiamo il viaggio di ritorno. Solo un’interruzione per il pranzo nell’area di servizio di Canne, in un autogrill SARNI le cui focacce esageratamente farcite non ci fanno per nulla rimpiangere la Rustichella, anzi!

Il nostro ritorno a Firenze avverrà per una via diversa da quella dell’andata: scegliamo infatti di percorrere l’A14 fino allo svincolo per la Roma-L’Aquila, da qui proseguiamo per Roma immettendoci poi sulla Roma Firenze. Orario di arrivo le 20. Qualche piovasco sull’Appennino. Ma la grande soddisfazione di attraversare regioni d’Italia mai viste prima (il Nord della Puglia, il Molise, l’Abruzzo), ciascuna col suo paesaggio tipico, ci ripaga della fatica del lungo viaggio.

Se vuoi leggere la prima parte del week-end in Puglia clicca prima qui e poi qui.

Annunci

2 thoughts on “PUGLIA MORDI E FUGGI! 3 – Il ritorno

  1. Pingback: PUGLIA MORDI E FUGGI! 1 – l’andata « Viaggimarilore

  2. Pingback: PUGLIA MORDI E FUGGI! 2 – Operazione Zoosafari « Viaggimarilore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...