L’ABC: progettare un viaggio. Parte III: come arrivare, dove pernottare, come muoversi

È doveroso a questo punto sottolineare nuovamente a che tipologia di viaggio e di meta corrispondono vari modi di agire. Potete decidere di affidarvi ad un’agenzia di viaggi cui delegare tutta l’organizzazione, ma potete decidere di fare tutto da voi. E in questo caso internet è l’amico di ogni turista fai-da-te.

1) COME ARRIVARE: la scelta del mezzo per giungere a destinazione spesso e volentieri è obbligata: a New York e in Australia ci arrivate in aereo, mentre in Europa, a seconda di quanto tempo avete e di come volete organizzare il viaggio, potete andare anche in treno oppure in automobile (oppure, se siete i tipi, anche in moto. Ma in tal caso non avete bisogno di questi post, siete sicuramente degli esperti viaggiatori). Se scegliete l’aereo, una valanga di siti web vi fa fare prenotazioni online: oltre a eDreams e a Expedia, poi, non sono da sottovalutare i siti web delle compagnie aeree. Il gioco ora diventa decidere a quale ora partire, scegliere l’aeroporto di partenza e di arrivo e… passare al punto 2

2) PERNOTTARE: la scelta va di pari passo con il punto precedente, perché, soprattutto a seconda del periodo in cui vi muovete, non potete correre il rischio di arrivare e non avere un tetto sulla testa. Non voglio ritrovarmi il 25 dicembre all’addiaccio perché tutti gli alberghi sono pieni..(è una scena già vista 2000 anni fa e personalmente non en sono degna!). La scelta dell’hotel dipende dal viaggio che avete ipotizzato: avete intenzione di tenervi un luogo come base o pesate di fare un itinerario che giorno dopo giorno vi fa percorrere centinaia di km? A seconda di quante tappe pensate di fare, dovete preventivare altrettanti hotel. Etineris, Venere.com e Booking.com sono forse i siti web più noti in materia di prenotazioni alberghiere. Sfruttate questi siti (e/o le app per I-pad se ne siete forniti) per avere i nominativi e le posizioni (ancora più importante!) degli hotels e i link per accedere al sito di ciascuno di essi in modo da rendervi conto delle camere e dei servizi offerti. Fissato l’hotel, fissati gli hotels, potete chiudere il capitolo aereo e passare al punto 3.

3) COME MUOVERSI: qui si entra già nel dettaglio, perché si presuppone che abbiamo già in mente cosa vedere e in che termini. Ora, se la nostra meta è una città, sarà sufficiente muoversi a piedi e/o sfruttando i mezzi pubblici. Sarà allora molto utile sapere in anticipo se sono previsti abbonamenti particolari o pass speciali sul modello della Carte ParisVisite. Se la vostra meta presuppone invece qualche gita al di fuori del centro in cui alloggiate può essere utile affittare un’auto. È quello che abbiamo fatto noi a Malta: l’isola è talmente piccola che per girarla non è necessario spostarsi di hotel, ma basta tenere una base cui fare ritorno tutte le sere e girare durante il giorno in macchina. Anche in questo caso conviene, per non perdere tempo al momento dell’arrivo in aeroporto, prenotare l’auto via internet. La Hertz  e la Avis sono le due compagnie di noleggio più diffuse a livello internazionali, presenti in bene o male tutti gli aeroporti del mondo. Potete cominciare a guardare da lì. In qualche caso il punto 1 e il punto 3 coincidono: è quando  affrontate il viaggio con la vostra auto, oppure se vi lanciate in un interrail in treno. Va da sé che le problematiche in questi casi sono differenti. Tralasciando il caso del treno, se andate in macchina consiglio un navigatore satellitare: ormai ne esistono di tutti i tipi, anche decisamente economici. Ah, e non dimenticate di far fare alla vostra auto un bel check-up completo: dio non voglia che vi si comprometta la vacanza per un guasto al motore!

Per leggere gli altri post sull’ABC clicca qui:

L’ABC: progettare un viaggio. Parte I: scegliere il tipo di viaggio

L’ABC: progettare un viaggio. Parte II: scegliere la destinazione

L’ABC: progettare un viaggio. Parte IV: documentarsi

Advertisements

3 thoughts on “L’ABC: progettare un viaggio. Parte III: come arrivare, dove pernottare, come muoversi

  1. Pingback: L’ABC: progettare un viaggio. Parte I: scegliere il tipo di viaggio « Viaggimarilore

  2. Pingback: L’ABC: progettare un viaggio. Parte IV: documentarsi « Viaggimarilore

  3. Pingback: L’ABC: progettare un viaggio. Parte II: scegliere la destinazione « Viaggimarilore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...