1° Maggio al Lago Trasimeno

Lasciamo con calma, e anche con un po’ di dispiacere, lo splendido castello immerso nel verde e ci lanciamo verso il Lago Trasimeno. Lungo la via che torna verso il lago ci imbattiamo nel bel castello, anch’esso riadattato a dimora storica, ma più antico del Castello dell’Oscano, del Castello della Pieve del Vescovo, su una collinetta vicina al borgo di Corciano. Questo risale al 1464 e ha l’aspetto di un castello/fortezza di stampo rinascimentale e divenne il luogo preferito dai vescovi di Perugia che vi venivano a soggiornare prima della festività di San Giovanni.

Sulla superstrada che costeggia il lato, usciamo a Torricella e ci dirigiamo verso Monte del Lago. Questo è un piccolo paesino situato in alto rispetto al lago, cui scende attraverso una lunga strada che dapprima attraversa il paese, poi scende entrando quasi nella boscaglia fino ad arrivare sulla riva. Dall’alto il paesino offre un fantastico belvedere su tutta la costa: lo sguardo spazia lungo tutto il litorale: sono abituata a pensare al Trasimeno come ad un laghetto, ma non è poi così piccolo! Monte del Lago, nonostante i turisti che immagino passino numerosi da queste parti, non fosse altro che per i percorsi naturalistici e ciclistici che si possono fare, è tutto fuorché turistico: una sola struttura fa da hotel, bar e ristorante, riassumendo in sé (tra l’altro in un’orribile palazzina anni ’60 di pessimo impatto ambientale) tutte le attività ricettive che una località normalmente offre. Buffo osservarlo, ma siamo ormai talmente abituati ad avere intorno a noi anche nel più piccolo borgo tutta una serie di servizi che l’assenza qui mi stupisce. Il piccolo borgo è stato dotato di mura nel 1312, come recita una lapide all’ingresso del paese e si fregia di aver dato i natali e ospitato importanti personaggi del Risorgimento umbro.

Monte del Lago

Uno scorcio di Monte del Lago

Riprendiamo la via che costeggia il lago e giungiamo a San Feliciano che, oltre a ospitare il museo della Pesca del Lago Trasimeno è anche il porticciolo da cui ci si imbarca per andare sull’isola Volpese, la più grande tra quelle del Lago, che è piuttosto vicina. Passiamo a San Feliciano, sul suo lungolago un po’ di tempo in pace, andiamo sul molo, osserviamo gli uccelli acquatici e le loro evoluzioni: ci sono le folaghe e gli svassi, bellissimi, che non mi era mai capitato di vedere dal vivo. Ne osserviamo uno in particolare, con tanto di piccolo appresso, mentre pesca un granchio – credo – enorme e lo divora: una scena da documentario, per chi come noi ormai si è abituato a stare in città è il massimo che può vedere è un gatto che fa gli agguati ad una lucertola.

svasso

Uno svasso nel porticciolo di San Feliciano

San Feliciano

un pontile a San Feliciano, Lago Trasimeno

Quando ripartiamo da San Feliciano è ora di pranzo. Dove andare? La risposta è una sola: dove vanno tutti, da Faliero, lungo la via che costeggia il lago. Faliero è un’istituzione, da queste parti. Chi viene qui sa che deve essere disposto anche a fare un’ora di coda (se è fortunato!) in una giornata come questa. La specialità di questo posto è la torta al testo della signora Maria, ma qui si può mangiare tutto, dai primi, sia di carne che di pesce di lago, ai secondi. Funziona come una sorta di self service, con tanto di numerino, il servizio è lento proprio perché la torta al testo – e anche il resto – viene cucinato sul momento. Nonostante la lunga attesa (ma ripeto, la si mette in conto, specie in una giornata come questa, col tempo che ci ha graziato nonostante fosse prevista pioggia), il pranzo è decisamente all’altezza delle nostre aspettative, ottimo e abbondante!

Concludiamo il nostro giro lungo il Trasimeno a Castiglione del Lago, dove oggi si svolgeva la festa degli aquiloni: comitive di famiglie con bambini si dirigevano verso un grande parco dove già volavano variopinti aquiloni, per la gioia di grandi e piccini. Una bella immagine per concludere degnamente un breve, ma intenso, week-end.

trasimeno

panorama del lago

Advertisements

2 thoughts on “1° Maggio al Lago Trasimeno

  1. Pingback: Una notte da re al Castello dell’Oscano « Viaggimarilore

  2. Pingback: Week-end del 1° maggio sul Lago Trasimeno, tra castelli incantati e superbi panorami « Viaggimarilore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...